Riforma sostegno, adempimenti 2020/21: PEI provvisorio entro il 30 giugno e curricolo studente

Stampa

Nuovo PEI, quali sono gli adempimenti che devono assolvere le scuole nel corrente anno scolastico e cosa viene rinviato all’a.s. 2021/22.

Adozione nuovo PEI

Il Ministero dell’Istruzione, dando attuazione a quanto previsto dal D.lgs. n. 66/2017 come modificato dal D.lgs. n. 96/2019,  con il DI n. 182/2020 ha adottato il modello nazionale di PEI (4 modelli: infanzia, primaria, secondaria di I grado, secondaria di II grado), ha definito nuove modalità di assegnazione delle misure di sostegno agli alunni con disabilità e adottato le relative Linee Guida. 

Il decreto 182 è stato pubblicato in data 29 dicembre 2020, pertanto il Ministero ha contemplato la possibilità che le istituzioni scolastiche, per il 2020/21, continuassero ad utilizzare i modelli di PEI già predisposti (nota n. 40 del 13 gennaio 2021). Allo stesso tempo, nella nota è stata evidenziata la necessità di un passaggio progressivo ai nuovi modelli, per verificarne la piena operatività e anche in vista del momento di revisione degli stessi (modelli), prevista dall’articolo 21 del DI 182/2020. 

Il nuovo modello nazionale di PEI sarà adottato universalmente (scrive il Ministero sempre nella nota n. 40/2021) da tutte le istituzioni scolastiche dall’a.s. 2021/22, pur in attesa delle previste Linee guida del Ministero della Salute, affinché le scuole adeguino la progettazione educativo-didattica alle nuove norme sull’inclusione.

Inclusione e modifiche normative: il nuovo PEI, profilo funzionale e ICF – 2° Edizione aggiornata secondo le nuove linee guida (2021)

Le nuove misure, come si legge nell’articolo 19/17bis D.lgs. n. 66/2017 e come sentenziato dal TAR Lazio, si dovrebbero applicare agli studenti che passano da un grado di istruzione all’altro. Il citato articolo 19/7bis, infatti, dispone che la nuova disciplina, relativa alla composizione delle commissioni mediche per l’accertamento della condizione di disabilità in età evolutiva, al profilo di funzionamento (nuovo documento che ricomprende la diagnosi funzionale e il profilo dinamico funzionale), al progetto individuale, al nuovo modello di PEI e alle nuove modalità di richiesta e assegnazione delle risorse di sostegno, si applichi al passaggio di grado di istruzione, così da rendere graduale l’applicazione delle nuove disposizioni. 

Dopo la sentenza del TAR, sarebbe comunque opportuno un chiarimento in merito da parte del Ministero, sebbene l’articolo 19/7bis del D.lgs. 66/17, sembrerebbe essere chiaro.

Se per l’adozione del nuovo modello di PEI (almeno nella sua interezza) si prevede una deroga, vi sono alcune misure del DI 182/2020 che vanno applicate già dal corrente anno scolastico.

Misure da applicare dal 2020/21

Le misure che trovano immediata applicazione, precisa la nota 40/21, sono il PEI provvisorio e il Curricolo dell’alunno (oltre all’abrogazione dell’OM n. 90/2001).

Il PEI provvisorio va redatto, entro il 30 giugno, per gli alunni con disabilità che si iscrivono per la prima volta a scuola oppure per alunni già iscritti e frequentanti di cui viene certificata la condizione di disabilità. Evidenziamo che il PEI provvisorio non è un documento a sé ma è costituito da alcune sezione del modello PEI generale ed è redatto dal GLO allo scopo di definire le proposte di sostegno didattico o di altri supporti necessari, in moda da sviluppare il progetto di inclusione relativo all’anno scolastico successivo.

Il Curricolo dell’alunno riporta le informazioni riguardanti il tipo di percorso didattico seguito: ordinario; personalizzato (con prove equipollenti per la secondari di II grado);  differenziato. Nella sezione del PEI dedicata si devono indicare tutti gli interventi previsti (considerando contenuti, metodi, attori, tempi, luoghi, modalità e criteri di verifica e valutazione), al fine di impostare una programmazione didattica personalizzata, che ridefinisca il curricolo dell’istituzione scolastica, in base alle esigenze educativo-didattiche dell’alunno. 

Iscrizioni a.s. 2021/22

Un altro aspetto chiarito dal Ministero con la nota n. 40/2021 riguarda le nuove modalità di certificazione e il legame delle stesse con le iscrizioni per l’a.s. 2021/22. Queste ultime, ricordiamolo, sono state effettuate dal 4 al 25 gennaio 2021, seguendo la modalità consueta, ossia la presentazione dell’iscrizione online (esclusa l’infanzia per cui vige anche la modalità cartacea) e il completamento della stessa con la  presentazione a scuola della documentazione/certificazioni relative all’alunno con disabilità.

La nota ha chiarito che, in attesa delle previste Linee guida del Ministero della Salute, le procedure di iscrizione per il prossimo anno scolastico seguono la prassi corrente e alla domanda di iscrizione andranno allegate le certificazioni e le diagnosi previste dalle norme vigenti

Conclusioni

In definitiva:

  • il nuovo modello nazionale di PEI va applicato dall’a.s. 2021/22;
  • il PEI provvisorio va redatto già dal corrente anno scolastico entro il 30 giugno 2021;
  • il Curricolo dell’alunno è entrato in vigore dal corrente anno scolastico;
  • le nuove certificazioni saranno possibili dopo l’adozione delle Linee guida del Ministero della Salute.

Modelli PEI, normativa e allegati

nota 40/2021

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur