Riforma scuola. I veri problemi: presidi non hanno reale libertà di scelta e fare del potenziamento occasione educativa. Lettera

WhatsApp
Telegram

Carissimo direttore, il 13 agosto per molti insegnanti neoassunti è' un giorno importante, conosceranno in che ambito territoriale potranno trovare posto di lavoro per i prossimi anni. 

Carissimo direttore, il 13 agosto per molti insegnanti neoassunti è' un giorno importante, conosceranno in che ambito territoriale potranno trovare posto di lavoro per i prossimi anni. 

Molta polemica si è' fatta e strumentale, perché se ci sono più insegnanti del sud ad entrare di ruolo che posti di insegnamento al Sud di questo non è' certo responsabile Renzi e nemmeno il ministro Giannini.

Ristabiliamo la verità delle cose, questi insegnanti diventano di ruolo nello stato, le questioni sono altre, primo che di fatto i presidi non hanno quella libertà di scelta che è' stata amplificata ma che è' solo sulla carta, secondo che questi insegnanti nella maggior parte dei casi non avrà una classe ma dovrà svolgere la funzione di potenziamento, a cui bisogna ancora dare dignità di lavoro, così che un insegnante la svolga come un di meno in attesa di avere una classe. Questi sono i veri problemi, che i  presidi abbiano reale libertà di scelta e che si faccia del potenziamento una occasione di esperienza educativa! 

Gianni Mereghetti  Insegnante 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur