Riforma scuola, i sindacati non ci stanno: è sciopero delle attività aggiuntive

di redazione
ipsef

FLC CGIL, Cisl Scuola, Uil scuola, Snals e Gilda hanno proclamato lo sciopero delle attività aggiuntive non obbligatorie per i docenti.

FLC CGIL, Cisl Scuola, Uil scuola, Snals e Gilda hanno proclamato lo sciopero delle attività aggiuntive non obbligatorie per i docenti.

Coinvolti sia i docenti che il personale educativo ed ATA a partire dal 9 aprile al 18 aprile 2015.

L’astensione dalle attività non obbligatorie riguarda tutto il personale docente ed ATA della Scuola ed in particolare:

Per il personale ATA:

  1. astensione attività aggiuntive oltre le 36 ore settimanali;
  2. astensione da tutte le attività previste tra quelle rientranti nelle posizioni economiche (I^ e II^ ) e negli incarichi specifici;
  3. astensione dall'intensificazione della attività nell'orario di lavoro  relativa alla sostituzione dei colleghi assenti;
  4. astensione svolgimento incarico sostituzione Dsga;

Per il personale docente ed educativo:

  • astensione dalle attività aggiuntive di insegnamento oltre l’orario obbligatorio, retribuite con il MOF;
  • astensione dalle ore aggiuntive per l’attuazione dei progetti e degli  incarichi di coordinatore retribuiti con il MOF;
  • astensione dalla sostituzione e collaborazione con il dirigente scolastico e di ogni altro incarico aggiuntivo;
  • astensione dalle ore aggiuntive prestate per l’attuazione dei corsi di recupero;
  • astensione dalle attività complementari di educazione fisica e avviamento alla pratica sportiva.

Tutto sulla Buona scuola

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione