Riforma scuola. Formazione insegnanti sarà obbligatoria e valida per gli scatti stipendiali

WhatsApp
Telegram

Basta formazione volontaria, la riforma di Renzi vuole la formazione obbligatoria per tutti i docenti e organizzata attorno ad un sistema di Crediti Formativi (CF) da raggiungere ogni anno e validi per gli aumenti dello stipendio.

Basta formazione volontaria, la riforma di Renzi vuole la formazione obbligatoria per tutti i docenti e organizzata attorno ad un sistema di Crediti Formativi (CF) da raggiungere ogni anno e validi per gli aumenti dello stipendio.

Sì, perché, infatti, quella dei titoli sarà una delle tre gambe che concorrerà all’accumulo di Crediti Formativi validi per rientrare in quel 66% che avrà, ogni 3 anni, gli scatti stipendiali.

Allora ci sarà la corsa a "formarsi", dando una svolta ad un trend negativo che caratterizza l’Italia, sotto questo punto di vista. Infatti, i docenti italiani raggiungono la più bassa percentuale di attività di sviluppo professionale, rispetto agli altri paesi partecipanti all’indagine TALIS del 2013, con il 73% a fronte dell’88% di media. Anzi, il dato è pure in calo, di ben 10 punti, rispetto al 2008.

Quindi, formazione obbligatoria, ma gestita dalle scuole

  1. da associazioni professionali di docenti
  2. attraverso la creazione di team a livello di reti di scuole, fino alla creazione di poli regionali orientati all’innovazione
  3. attraverso gli "innovatori naturali", docenti interni alle scuole che si occuperanno della formazione e saranno retribuiti attraverso i fondi del MOF.

Seguici su FaceBook. Lo fanno già in 141mila

Interessante anche la figura del docente ri riferimento per le reti di scuole, con il compito di fare da referente ai colleghi e come sostegno per le pratiche di innovazione didattica.

Tutto sulla riforma

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur