Riforma reclutamento docenti, Pacifico (Anief): “Un macigno, non la soluzione ai problemi della scuola”

WhatsApp
Telegram

“Se anche un ex direttore generale e capo dipartimento del ministero dell’Istruzione ha dei seri dubbi sulla riforma del reclutamento, formazione e valutazione dei docenti già tradotta con il Decreto Legge n. 36, come mai tra i responsabili del Governo e del ministero dell’Istruzione trapelano solo certezze sulla validità del rovinoso progetto?”.

Lo chiede oggi Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, dopo avere preso atto delle dichiarazioni di Giuseppe Cosentino, esperto di politiche dei sistemi formativi, già Direttore Generale del Personale e poi Capo Dipartimento Istruzione del Miur: l’esperto ministeriale sostiene che le norme che il Governo ha imposto per decreto sono peggiorative, non affrontano il problema del precariato e soprattutto non introducono la vera risposta alla supplentite, quale è il doppio canale di reclutamento.

“È evidente che il D.L. 36 incluso nella riforma del Pnrr, rappresenta un macigno e non la soluzione dei problemi della scuola – dice Pacifico – per questo motivo abbiamo predisposto degli emendamenti che illustreremo dopodomani, martedì 17 maggio, nel corso dell’audizione che Anief terrà presso la I e VII commissione del Senato. Tra le modifiche che chiederemo di apportare c’è quella, ad esempio, di far diventare insegnante chi svolge un periodo di precariato, l’anno di formazione e il tirocinio. Come chiederemo di confermare in ruolo i docenti dopo l’anno di formazione o abilitazione nel transitorio. Ma anche di fare formazione in orario di servizio definita in contrattazione con risorse aggiuntive, senza tagli e risparmi come invece sono prospettati adesso, oppure di assegnare l’indennità di sede disagiata in luogo di indennità per la permanenza nella stessa sede in contrattazione”, conclude il sindacalista Anief.

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici. Corso preparazione: 285 ore di lezione, simulatore Edises con 14mila quiz e modulo informatica. Nuova offerta a 299 euro