Riforma pubblico impiego, diritto al reintegro posto lavoro dipendente licenziato illegittimamente

WhatsApp
Telegram

La riforma del testo unico del pubblico impiego, com’è noto, è stata approvata dal Consiglio dei Ministri ed è attualmente al vaglio delle commissioni parlamentari di Camera e Senato.

Nel testo è presente una disposizione molto importante, che chiarisce la questione dell’applicabilità o meno della riforma dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori anche ai dipendenti del settore pubblico. Detta riforma ha superato l’obbligo di reintegro nel posto di lavoro dei dipendenti licenziati illegittimamente.

La legge del 2012, che ha riformato l’articolo 18, prevede la non applicabilità diretta della novità introdotta al settore pubblico, tuttavia tale disposizione è in contrasto con il D.lvo n. 165/2001, il cui articolo 51 comma 2 prevede l’applicabilità diretta al settore pubblico delle norme in materia di licenziamento del settore privato.

Il nuovo testo unico precisa, come leggiamo su PensioniOggi.it, che per i dipendenti pubblici resta l’obbligo di reintegro nel posto di lavoro, qualora il licenziamento sia stato illegittimo.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur