Riforma Pensioni, programmi elettorali 2022 a confronto

WhatsApp
Telegram

Accelera la campagna elettorale dei vari partiti in vista delle elezioni politiche del prossimo 25 settembre. In questi giorni si presentano i candidati. Oltre alla scuola, di cui abbiamo approfondito con diversi articoli, tante sono anche le proposte sul fronte pensionistico. Un confronto fra i diversi programmi elettorali resi noti.

Queste le principali proposte dei partiti relativamente alla riforma pensionistica. Per i programmi completi qui il link

Verdi e Sinistra italiana

Proponiamo che si possa uscire dal lavoro a 62 anni o con 41 anni di contributi, riconoscendo inoltre i periodi di disoccupazione involontaria, il lavoro di cura non retribuito, la maternità. La pensione minima non dovrebbe essere inferiore a 1.000 euro.

Unione popolare

Abolizione della legge Fornero per giungere all’età pensionabile di 60 anni o 35 anni di contributi, con tetto massimo alle pensioni alte che pesano molto sulla spesa pensionistica.
E poi ancora aumento delle pensioni minime a 1000 euro al mese e introduzione per le pensioni future di un massimo di pensione e di cumulo di trattamenti pensionistici a 5000 euro mensili.

M5S

Evitando il ritorno alla legge Fornero, attraverso l’ampliamento delle categorie dei lavori gravosi e usuranti e attraverso meccanismi di uscita flessibile dal lavoro.

Lega

Vario il programma:

Quota 41
I lavoratori raggiungono il diritto alla pensione anticipata di anzianità con 41 anni di contributi. Per le donne si aggiunge un anno di contributi figurativi per ogni figlio

Pensione vecchiaia donne a 63 anni
Per le lavoratrici il diritto alla pensione di vecchiaia matura a 63 anni (oggi 67) di età e almeno 20 anni di contributi

Pensione di garanzia per i giovani
Per i giovani lavoratori con carriere interamente nel regime contributivo è riconosciuta, in ogni caso, una pensione minima di 1.000 euro. Considerare e dare valore previdenziale anche ai periodi di inattività lavorativa o di formazione

Rivalutazione pensioni
Al fine di evitare variazioni continue dei trattamenti pensionistici, la rivalutazione annuale è calcolata sulla base dell’indice Istat registrato al 31 dicembre dell’anno precedente a quello oggetto di rivalutazione

Opzione donna
Trattamento pensionistico diventa strutturale

Ape social
Proroga anticipo pensionistico

Riscatto laurea
Estendere la possibilità agevolata di riscatto contributi per il periodo relativo al percorso di laurea

ARTICOLO IN AGGIORNAMENTO

I programmi per la scuola

Elezioni 2022 e scuola: precariato, stipendi, edilizia. I programmi dei partiti a confronto. AGGIORNATO CON POSSIBILE

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur