Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Riforma pensioni 2019 e quota 100: gli effetti sulla pensione di vecchiaia

WhatsApp
Telegram

Molta preoccupazione per gli effetti delle riforma pensioni 2019 e della quota 100 sulla pensione di vecchiaia per chi deve accedere il prossimo anno.

  1. Io ,del gennaio 1953, che dovevo andare in pensione nel 2020 con 67 anni di età, e che farei anche quota 100 nello stesso anno con 33 anni di contributi…..come sarò fregata, ancora una volta? 
  2. Gentili signori,mia moglie ha presentato domanda pensionistica prima dell’introduzione della legge Fornero, per poi venire congelata con l’introduzione della legge castiga pensionati prima citata e che menziono nuovamente, c.d. legge Fornero. I sindacati mi dicono che la classe del 52 è stata salvata e a breve si pagheranno le mensilità, è vero?

Lei ha gestito un esercizio commerciale, però ad oggi lo stato di incertezza che avvolge la classe del 52 e la nostra situazione politica, sociale e i continui cambiamenti degli ultimi anni hanno creato troppe incertezze sulla nostra pelle. Le numerose difficoltà e le spese non permettono di vivere con una sola pensione in casa, quali opzioni sono possibili per i prossimi giorni, mia moglie riuscirà a percepire la pensione?Perchè l’INPS alla richiesta di pensionamento prima della legge Fornero non ha rifiutato la domanda?Ringrazio dell’attenzione, attendo con ansia e urgenza una vostra risposta e consiglio.
Distinti saluti.

Pensione di vecchiaia e riforma 2019

Dal 1 gennaio 2019 per chi deve accedere alla pensione di vecchiaia non cambierà assolutamente nulla se non l’introduzione dei 5 mesi di aumento di età pensionabile per effetto dell’adeguamento alla speranza di vita Istat.

La riforma pensioni 2019, infatti, con l’introduzione della quota 100, non avrà alcun effetto su chi dovrà o vorrà accedere alla pensione di vecchiaia poichè la misura, non essendo obbligatoria è soltanto un metodo di uscita dal mondo del lavoro in più offerto.

Per rispondere ai quesiti dei nostri lettori:

  1. Potrà tranquillamente accedere alla pensione nel 2020 con 67 anni di età poichè la quota 100 non cambierà assolutamente la data del suo pensionamento.
  2. Per i nati nel 1952 la pensione di vecchiaia è ormai vicina, glielo confermo. Per chi è nato dal 1 gennaio al 31 maggio 1952, anzi, la pensione di vecchiaia è stata raggiunta nel 2018 poichè i requisiti richiesti sono di 66 anni e 7 mesi. Per l’adeguamento alla speranza di vita Istat, che porterà ad un aumento di 5 mesi sull’età pensionabile per accedere alla pensione di vecchiaia, i nati dal 1 giugno 1952 potranno accedere alla misura con 67 anni di età nel 2019. Non si deve, quindi, preoccupare di quello che potrebbe prevedere la legge di Bilancio e l’eventuale riforma pensioni 2019 poichè, in ogni caso, non vi sarà alcuna modifica all’accesso alla pensione di vecchiaia ma solo l’introduzione della quota 100.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Eurosofia mette a disposizione i propri esperti