Riforma pensioni 2019 e quota 100: ecco quando la quiescenza

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Quando si andrà in pensione con la quota 100 prevista dalla riforma pensioni 2019? Vediamolo in base all’età e ai contributi dei nostri lettori.

  1.  Buongiorno. Sono una dipendente statale (scuola) in ruolo dal 1983 e compio 60 il 19 maggio prossimo.Considerando quota 100…chiedo:quando dovrei andare in pensione?E con  quanto di penalizzazione sulla pensione????Ringrazio dell’attenzione.Cordialmente
  2. Buonasera, desideravo chiedere se e quando potrò andare in pensione,sono lavoratore precoce,a gennaio avrò 41 anni di contributi e 62 anni di età.negli ultimi 5 anni ho lavorato come facchino. Grazie x la cortese risposta,distinti saluti 
  3. Sono nato il 12 marzo 1953, 66 anni a marzo,  ed al 30 settembre 2018 ho versato 41 anni e 7 settimane di contributi (dal luglio del 96 sono quasi tutti contributi volontari). Tra qualche giorno dovrei pagare i contributi per il quarto trimestre del 2018 per totalizzarne 41 anni e 20 settimane.

    Rientrando abbondantemente alla quota 100 avrei delle deduzioni per l’età o gli anni di contribuzione?  Per la domanda a chi e quando dovrei procedere?

Quando in pensione con la quota 100

  1. Potrà accedere alla pensione con quota 100 non appena compirà i 62 anni e maturerà i 38 anni di contributi (indicativamente, quindi, nel 2021). Penalizzazioni sulla pensione con la nuova misura non sono previste e il calcolo dell’assegno sarà effettuato come per qualsiasi altro trattamento previdenziale in base al montante contributivo.
  2. Potrà accedere alla pensione con la quota 100 non appena la misura diventerà attuativa con la prima finestra di pensionamento disponibile (presumibilmente ad aprile 2019) visto che è in possesso sia del requisito anagrafico che di quello contributivo.
  3. La domanda di pensione con la quota 100 andrà presentata all’Inps, per le tempistiche bisogna attendere il decreto attuativo della misura. Per quanto riguarda la sua domanda sulle deduzioni: avendo versato più anni rispetto ai 38 di contributi richiesti, ovviamente la sua pensione sarà più alta poichè calcolata sugli oltre 41 anni di contributi maturati. Il coefficiente di trasformazione inoltre, basandosi sull’età, sarà a lei più favorevole rispetto a chi accede alla misura con 62 anni di età.

 

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: