Riforma pensioni 2019: durata della quota 100

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Quanto durerà la quota 100, 1 o 3 anni? E per i dipendenti pubblici come sarà regolato l’accesso alla misura previdenziale?

Salve e grazie per avermi dato la possibilità di cercare di capire come funziona quota 100. Maturo i requisiti di età e di contributi a Dicembre 2019, ho letto che le finestre sono solo due per chi come me lavora nel pubblico. In più non si è capito bene se la Quota durerà 3 anni o solo 1. Ho possibilità di sperare per questa opzione? Grazie di cuore anticipatamente per la risposta

Come funziona la quota 100

La quota 100 permette il pensionamento al raggiungimento dei 62 anni di età e dei 38 anni di contributi. Per accedere alla pensione sono previste delle finestre che saranno, molto probabilmente, 4 per i dipendenti del settore privato, 2 per i dipendenti pubblici e soltanto 1 per il comparto scuola.

Per accedere alla prestazione è necessario aver maturato i requisiti prima della finestra di accesso e la nuova misura non permette il cumulo dei redditi da pensione con quelli da lavoro superiori a 5mila euro annui fino al raggiungimento dell’età anagrafica per accedere alla pensione di vecchiaia (67 anni).

Ovviamente per aver certezza di quali e quante saranno realmente le finestre di accesso per la misura bisognerà attendere il decreto attuativo della stessa che dovrebbe essere pubblicato entro le prime due settimane di gennaio.

Quota 100: durata

Non si è mai parlato di una durata della quota 100 limitatamente ad un anno. Le ultime voci vorrebbero che la misura abbia una durata di 3 anni, il tempo di permettere all’esecutivo di attuare la pensione con 41 anni di contributi per tutti indipendentemente dall’età annunciata per gennaio 2022.  Ma anche per avere certezza della durata della quota 100 bisogna attendere il decreto attuativo delle prossime settimane.

Nel suo caso, quindi, maturando entrambi i requisiti a dicembre 2019, potrebbe accedere alla misura con la prima finestra disponibile per i dipendenti del pubblico impiego del 2020, che cadrà nel primo semestre dell’anno.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: