Riforma pensione anticipata, quota 100 e quota 41, cosa prevede il decreto

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Riforma pensione, in attesa del decreto, tanti i dubbi e le incertezze sulle nuove misure. Ecco le ultime indiscrezioni e le domande dei nostri lettori.

A breve il decreto sulla riforma pensione, ancora tanti i dubbi e le incertezze, molti i quesiti che ci arrivano per sapere come e quando andare in pensione, in quest’articolo analizzeremo le ultime indiscrezioni sulla riforma rispondendo ai quesiti dei nostri lettori.

Riforma pensione anticipata: nel 2019 con quali requisiti?

Buongiorno vorrei sapere se si può andare in pensione con 42 e 10 mesi. Ho 59 anni 42 di contributi e 2 mesi quand’è che posso andare?

Nel decreto di riforma pensione che verrà a breve pubblicato, oltre alla pensione quota 100 è previsto anche il blocco dei 5 mesi per l’adeguamento all’aspettativa di vita. Se la misura sarà approvata lei potrà accedere alla pensione anticipata con i requisiti del 2018, ed esattamente: 42 e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 e 10 mesi per le donne, indipendentemente dall’età.

Riforma pensione con 41 anni di contributi

Sono un pubblico dipendente nato a giungno del 1955, a giugno 2019 maturato 41 anni di contributi e compirò 64 anni. Quando potrò andare in pensione. Ringrazio anticipatamente per la risposta.

Si attende il decreto della riforma pensione per avere chiarimento alle varie misure pensionistiche. Lei, potrà aderire alla Quota 100 che richiede i seguenti requisiti: 62 anni di età e 38 anni di contributi. Secondo le indiscrezioni pervenute, per i dipendenti pubblici saranno previste due finestre di uscita, una ogni sei mesi, la prima uscita dovrebbe essere tra luglio e ottobre, su questo punto c’è ancora tanta confusione.

Riforma pensione con contributi versati nel pubblico e nel privato

Ho 57 anni. Ho iniziato a lavorare il 2 maggio 1977 a oggi, ho 41 anni e 8 mesi. 38 anni e 7 mesi nel privato e 3 anni e 1 mese nel pubblico. Vorrei sapere quando porro accedere alla pensione e con quali criteri?

Lei potrà accedere alla pensione anticipata quando avrà maturato i contributi, dovrà chiedere il cumulo contributivo gratuito per accedere ad un’unica pensione. Se il blocco dei 5 mesi dell’aspettativa di vita sarà approvato, i requisiti da raggiungere nel 2019 saranno: 42 e 10 mesi (uomini) e 41 e 10 (donne) di contributi. Bisogna attendere gli sviluppi della manovra.

Riforma pensione Quota 41 per tutti

Buongiorno, sono un lavoratore precoce che ha iniziato a lavorare a 15 anni senza mai smettere fino a oggi che ho 54 anni il prossimo aprile volevo capire attualmente quanto mi manchi per la pensione con le attuali condizioni e nelle future se verranno applicate. Grazie anticipatamente della risposta

Lei attualmente ha 39 anni di contributi, il decreto della riforma pensione contiene la Quota 100 valida per tre anni per poi trasformarsi nel 2022 in quota 41 per tutti. Bisogna capire se queste misure saranno approvate. Per la pensione precoce con 41 anni di contributi, non basta solo il requisito lavorativo di almeno 1 anno prima del compimento di 19 anni, con contributi regolarmente versati. Bisogna trovarsi anche nelle categorie di tutela: caregiver, disabili, disoccupato, lavoro usurante/precoce. Per maggiori informazioni consiglio di leggere:  Riforma pensioni 2019: in pensione con 41 anni di contributi

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: