Riforma. Organico di autonomia 15 giorni dopo approvazione legge, si corre verso le assunzioni di 100.701 insegnanti

di Lalla
ipsef

Nel testo licenziato dalla Camera il comma 1 dell'art. 8 (Piano straordinario di assunzioni) è stato modificato per rendere più veloce l'iter che porti alla realizzazione delle assunzioni entro il 1° settembre 2015.

Nel testo licenziato dalla Camera il comma 1 dell'art. 8 (Piano straordinario di assunzioni) è stato modificato per rendere più veloce l'iter che porti alla realizzazione delle assunzioni entro il 1° settembre 2015.

Un dato importante (sottolineato dal Ministro Giannini nel complimentarsi con la Commissione Cultura per il lavoro svolto) è stata l'introduzione, nel testo, di un

ART. 24-bis. (Entra in vigore) 1. Il presente provvedimento entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Inoltre, come accennavamo, l'attuazione pratica dovrà passare dalla realizzazione dell'organico dell'autonomia, in particolare per quanto riguarda i posti del potenziamento dell'offerta formativa

Art. 8 comma 1 "Ai fini del piano straordinario di assunzioni, l'organico dell'autonomia limitatamente ai posti del potenziamento nella scuola primaria e secondaria di 1o e 2o grado, è determinato entro 15 giorni dall'entrata in vigore della presente legge, sulla base delle indicazioni del Dirigente scolastico fermo restando quanto stabilito dall'articolo 6, commi 4 e 5."

I posti del potenziamento lo sappiamo già, non ci saranno per la scuola dell'infanzia. Per questo ordine di scuola le assunzioni avverranno entro i limiti dell'organico di diritto, dalle prime stime si ritiene che possano essere esclusi circa 23.000 docenti, per l'assunzinoe dei quali bisognerà attendere il progetto 0-6, che il DDL affida ad una specifica delega (Immissioni in ruolo: 23.000 dell'infanzia esclusi nel 2015 ma poi inseriti nel "progetto 0 – 6" )

Per la primaria il DDL prevede il mantenimento delle graduatorie ad esaurimento anche nei prossimi anni scolastici, per cui non sappiamo se tutti gli iscritti in GaE e GM verranno effettivamente assunti tutti quest'anno.

Per la scuola secondaria il DDL si limita a dire che le graduatorie perderanno efficacia dal 1° settembre 2015, e che non se non ci sarà posto negli albi territoriali scelti non si procederà all'assunzione, ma ci auguriamo che invece si possa procedere al completo svuotamento di tutte le classi di concorso.

Per l'anno scolastico 2015-2016 l'organico dell'autonomia comprende l'organico di diritto, l'adeguamento dell'organico alle situazioni di fatto e quello per il potenziamento, incluso il fabbisogno per i progetti e le convenzioni di cui al precedente comma 2, nel limite massimo di cui all'articolo 24, comma 1, della presente legge.

Per quanto riguarda nello specifico i posti del potenziamento dell'offerta formativa

Le istituzioni scolastiche individuano il fabbisogno di posti dell'organico dell'autonomia, in relazione all'offerta formativa che intendono realizzare, nel rispetto del monte orario degli insegnamenti e tenuto conto della quota di autonomia dei curricoli e degli spazi di flessibilità, nonché in riferimento a iniziative di potenziamento dell'offerta formativa e delle attività progettuali, per il raggiungimento degli obiettivi formativi individuati come prioritari tra i seguenti:

a) valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano, nonché alla lingua inglese e ad altre lingue comunitarie, mediante utilizzo della metodologia Content language integrated learning;

b) potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche;

c) potenziamento delle competenze nella pratica e nella cultura musicale, nello spettacolo dal vivo, nell'arte e nella storia dell'arte, con attenzione ai temi della tutela del patrimonio artistico, culturale e ambientale in Italia e nella dimensione internazionale;

d) sviluppare competenze di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace per il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture; sostenere l'assunzione di responsabilità nonché la solidarietà e cura dei beni comuni e la consapevolezza dei diritti e dei doveri; potenziamento delle conoscenze in materia di diritto e di economia, di alfabetizzazione economico-finanziaria, di educazione all'autoimprenditorialità;

e) sviluppo di comportamenti responsabili ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità, della sostenibilità ambientale, dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali, artistiche e musicali, anche mediante il coinvolgimento dei musei e degli altri istituti pubblici e privati operanti in tali settori;

f) alfabetizzazione alla storia dell'arte, all'arte e alla musica, al cinema, alle tecniche e ai media di produzione e diffusione delle immagini e dei suoni anche mediante il coinvolgimento dei musei e degli altri istituti pubblici e privati operanti in tali settori;

g) potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di comportamenti ispirati a uno stile di vita sano, con particolare riferimento all'alimentazione, all'educazione fisica e allo sport e attenzione alla tutela del diritto allo studio delle studentesse e degli studenti praticanti attività sportiva agonistica;

h) sviluppo delle competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro;

h-bis) potenziamento delle metodologie laboratoriali e della attività di laboratorio;

i) iniziative per la prevenzione e per il contrasto dei fenomeni della dispersione scolastica, della discriminazione e del bullismo e cyberbullismo e a garanzia della più ampia inclusione scolastica e del diritto allo studio degli alunni con bisogni educativi speciali anche attraverso l'attivazione di percorsi individualizzati e personalizzati, nonché misure educative e didattiche di supporto anche in collaborazione con i servizi socio-sanitari ed educativi territoriali e le associazioni di settore;

l) valorizzazione della scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie e con la comunità locale, comprese le organizzazioni del terzo settore e le imprese; e educative e didattiche di supporto anche in collaborazione con i servizi socio-sanitari ed educativi territoriali e le associazioni di settore;

m) apertura pomeridiana delle scuole e riduzione del numero di alunni e di studenti per classe o articolazioni di gruppi di classi e anche con potenziamento del tempo scuola o rimodulazione del monte orario rispetto a quanto indicato al decreto del Presidente della Repubblica n. 89 del 2009;

n) incremento dell'alternanza scuola-lavoro nel secondo ciclo di istruzione;

o) valorizzazione di percorsi formativi individualizzati e coinvolgimento degli alunni e degli studenti;

p) individuazione di percorsi e di sistemi funzionali alla premialità e alla valorizzazione del merito degli alunni e degli studenti;

q) alfabetizzazione e perfezionamento dell'italiano L2 attraverso corsi e laboratori, per alunni e studenti di cittadinanza e o di lingua non italiana da organizzare anche tra reti di scuole e in collaborazione con gli enti locali, il terzo settore e il volontariato con l'apporto delle comunità di origine, delle famiglie e dei mediatori culturali;

q-bis. definizione di un sistema di orientamento che renda consapevoli delle scelte scolastiche effettuate e dei possibili sbocchi professionali dei percorsi intrapresi

Una vasta gamma progettuale all'interno del quale il Dirigente dovrà proporre la fisionomia della scuola che è chiamato a dirigere (si consideri che tale lavoro, per l'a.s. 2015/16, sarà fatto su scuole che i Dirigenti stessi non sapranno ancora se saranno quelle definitive).

La VII commissione ha approvato a maggioranza il testo della riforma e ha dato il mandato alla relatrice, Maria Coscia (Pd), di riferire in aula. L'approdo in assemblea infatti è previsto per la giornata di domani.

La Buona Scuola

Versione stampabile
anief
soloformazione