Riforma organi collegiali scuola, il Governo se ne occuperà prossimamente

WhatsApp
Telegram

Il Consiglio dei Ministri del 28 febbraio u.s. ha approvato dieci disegni di legge delega al Governo per le semplificazioni, i riassetti normativi e le codificazioni di settore. 

Nel comunicato del Governo leggiamo che i testi approvati, alcuni dei quali sono collegati alla legge di bilancio per il 2019, fanno seguito e superano, ampliandone la portata, il disegno di legge in materia di semplificazione approvato in via preliminare dal Consiglio dei ministri lo scorso 12 dicembre.

DDL semplificazione: delega Istruzione, Università e AFAM

Tra i disegni di legge approvati la Delega al Governo per la semplificazione e la codificazione in materia di istruzione, università, alta formazione artistica musicale e coreutica e di ricerca

Di seguito le materie di intervento riguardanti l’istruzione.

DDL semplificazione: materie di intervento Istruzione

Con la delega relativa all’Istruzione il Governo dovrebbe intervenire su:

  • razionalizzazione anche attraverso fusioni o soppressioni degli enti di valutazione della scuola e dell’Università (quindi Invalsi, Anvur, ecc);
  • riduzione del numero dei componenti degli organi collegiali e razionalizzazione dei poteri di vigilanza ministeriale;
  • revisione della disciplina degli organi collegiali di scuola anche in rapporto alla ridefinizione del ruolo e delle responsabilità dei dirigenti scolastici;
  • riallocazione dei compiti amministrativi in tema di cessazioni, ricostruzioni di carriera … non strettamente connessi alla gestione delle singole scuole;
  • razionalizzazione degli ordinamenti didattici scolastici;
  • riordino dell’attività sportiva studentesca in ogni ciclo di istruzione.

DDL semplificazione: organi collegiali

La delega al Governo, dunque, riguarda anche la revisione della disciplina degli organi collegiali in relazione al ruolo e alle responsabilità del dirigente scolastico.

Attendiamo di leggere il testo per capire in che direzione sarà effettuata la summenzionata riforma.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Eurosofia mette a disposizione i propri esperti