Riforma istruzione professionale, quali nuovi indirizzi, organici, valutazione. Il testo del Decreto in esclusiva

WhatsApp
Telegram

Pubblichiamo in anteprima il testo del Decreto approvato dal Governo relativamente al riordino dell’istruzione professionale e il raccordo con i percorsi dell’istruzione e formazione professionale.

Si passa da 6 a 11 indirizzi di studio che saranno oggetto di ulteriore indicazione da parte del Ministero relativamente ai  profili di uscita e risultati di apprendimento.

L’istruzine professionale, secondo il testo del decreto, sarà  caratterizzata da una struttura quinquennale articolata in un biennio (2.112 ore, di cui 1.188 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale e 924 ore di attività e insegnamenti di indirizzo comprensive del tempo destinato al potenziamento dei laboratori) e in un triennio (1.056 ore in ciascun anno, di cui 462 ore di attività e insegnamenti di istruzione generale e 594 ore di attività e insegnamenti di indirizzo).

È prevista la personalizzazione degli apprendimenti, che si concretizza in uno specifico monte orario “dedicato” (264 ore nel biennio) e in un “progetto formativo individuale” che accompagna lo studente lungo tutto il suo percorso di studio e di formazione. Il dirigente scolastico, sentito il consiglio di classe, individua i docenti che assumono la funzione di tutor per sostenere lo studente nell’attuazione e dello sviluppo del progetto formativo individuale.
Nel biennio sono introdotti gli assi culturali (asse dei linguaggi, matematico, storicosociale e scienze motorie). Essi raccolgono insegnamenti fra loro omogenei per consentire di acquisire le competenze chiave di cittadinanza rientranti nell’obbligo scolastico.
Si dà più spazio all’alternanza scuola-lavoro ed all’organizzazione didattica per unità di apprendimento.

Aumentano le quote di flessibilità:

  • la quota di autonomia del 20% sia nel biennio che nel triennio, per potenziare gli insegnamenti obbligatori con particolare riferimento alle attività laboratoriali;
  • la quota di flessibilità del 40% dell’orario complessivo previsto per il terzo, quarto e quinto anno, per articolare gli indirizzi del triennio in profili formativi

Per quanto riguarda l’organico, il decreto prevede un aumento di docenti tecnico-pratici, a seguito del potenziamento delle attività di laboratorio, il cui onere è interamente coperto con il Fondo “La buona scuola” di cui all’articolo 1, comma 202, della legge n. 107 del 2015.

Scarica il Decreto con tutti i particolari

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur