Riforma istituti tecnici e professionali, parte l’iter al Senato. Fratelli d’Italia e Lega: “Avanti verso una rapida approvazione”

WhatsApp
Telegram

Inizia oggi l’iter in Senato che porterà alla riforma degli istituti tecnici e professionali. Il Governo, infatti, punta all’approvazione definitiva entro il mese di dicembre.

L’obiettivo di questa iniziativa è di implementare le nuove disposizioni già dal prossimo anno scolastico. Una volta approvata la norma si prevede un decreto applicativo da parte del Ministero dell’Istruzione e del Merito.

L’aspetto più evidente di questa riforma, ricordiamo, è la riduzione del percorso di istruzione superiore da 5 a 4 anni, seguita da due anni di specializzazione presso gli Istituti Tecnici Superiori (ITS).

In parallelo, si prevede un confronto sindacale sul decreto attuativo di riforma dell’istruzione tecnica e professionale. L’approccio mira a una maggiore flessibilità dei programmi e a una più stretta correlazione con il tessuto produttivo del territorio. Si parla quindi di una revisione dei piani di studio e dei quadri orari.

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditaraha promosso una riforma che punta a rafforzare le competenze di base in italiano, matematica e inglese, dando maggiore peso alle materie tecniche e laboratoriali. Una novità rilevante è l’introduzione del “campus”, una comunità composta da scuole, centri di formazione professionale e Its Academy, incentrata sulla centralità dello studente.

Istituti tecnici, arriva la riforma: docenti formati dalle aziende, più ore di indirizzo e meno alla parte generale, PCTO già dal secondo anno

La proposta include anche la collaborazione a tempo determinato con docenti esterni, provenienti dal mondo delle imprese, per colmare lacune di competenze tecniche. Gli studenti dei percorsi quadriennali potranno accedere ai percorsi formativi degli ITS Academy e sostenere l’esame di Stato presso l’istituto professionale assegnato.

L’iniziativa mira all’adeguamento e all’ampliamento dell’offerta formativa, promuovendo i passaggi fra percorsi diversi e la certificazione delle competenze acquisite. Si prevede anche la promozione di accordi di partenariato per incrementare l’alternanza scuola-lavoro e i contratti di apprendistato, valorizzando le opere soggette a diritto d’autore e proprietà industriale realizzate nei percorsi tecnici e professionali.

Si prevede che i sistemi di formazione regionale possano aderire alla sperimentazione, validata dall’Invalsi per garantire una formazione equiparabile a quella statale. È un’opportunità che estende la possibilità per gli studenti di iscriversi non solo agli ITS, ma anche all’università.

Fratelli d’Italia: “Via libera accelera ingresso giovani nel lavoro”

“Questa riforma propone la creazione di un’offerta formativa integrata, offrendo agli studenti percorsi di istruzione diversificati. Il primo passo di questa nuova filiera prevede l’introduzione di corsi quadriennali sperimentali, che si collegano ai percorsi biennali negli ITS Academy. Il progetto è destinato a rinvigorire e valorizzare l’intero settore tecnico-professionale, e soprattutto a fornire opportunità lavorative concrete ai nostri giovani”. Così il sottosegretario all’Istruzione e al Merito, Paola Frassinetti, responsabile del dipartimento istruzione di Fratelli d’Italia.

“Oggi inizia una fase cruciale di questa riforma con l’avvio del suo iter in Senato, presso la Commissione Cultura. Il nostro obiettivo è assicurare un’istruzione di eccellenza ai giovani, facilitando la loro rapida integrazione nei settori produttivi. In questo modo ci saranno non solo maggiori prospettive occupazionali per loro, ma anche una maggiore competitività per le nostre aziende”. Così la senatrice Ella Bucalo, vice-responsabile dipartimento istruzione di Fratelli d’Italia e relatrice del disegno di legge riguardante l’”Istituzione della filiera formativa tecnologico-professionale”.

Lega: “Soddisfazione”

“Esprimo soddisfazione per la partenza dell’iter, in commissione Cultura al Senato, del ddl per l’istituzione della filiera tecnologico-professionale. Il provvedimento consentirà di costruire un sistema formativo professionalizzante in grado di fornire al mercato del lavoro le figure di cui davvero necessita. Grazie a questo nuovo percorso quadriennale, che prevede uno stretto collegamento con le imprese, rafforzato dalla presenza di esperti del mondo del lavoro nei corsi di studio e dall’implementazione delle attività di alternanza scuola-lavoro, la costituzione dei campus territoriali e poi l’ammissione diretta al segmento terziario degli ITS Academy, l’Italia sarà finalmente al passo con i Paesi europei più all’avanguardia. Una riforma di buonsenso che parte dal MIM guidato da Giuseppe Valditara che ringrazio. Adesso, auspico la massima convergenza di tutte le forze politiche affinché questo provvedimento possa approdare in aula in tempi brevi e garantire, quindi, ai nostri ragazzi le migliori opportunità formative e professionali”. Così in una nota il senatore della Lega Roberto Marti, presidente della commissione Cultura e Istruzione a Palazzo Madama.

TESTO DDL

RELAZIONE TECNICA [PDF]

WhatsApp
Telegram

Concorso Insegnanti di Religione Cattolica. Scegli il corso specifico di Eurosofia con esempi di unità didattiche. Guarda la demo