Riforma. Giannini, errori? Giudici stanno complicando le gestione ordinaria della scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Il parere di merito va chiesto al premier, chiaramente sarà lui a esprimere quale tipo di modifiche. Non mi pare che abbia detto questo, francamente”.
Così il ministro Stefania Giannini, ha risposto ai giornalisti
che le chiedevano se Matteo Renzi voglia rivedere la riforma
della Buona Scuola.

“Per quanto mi riguarda – ha aggiunto a margine di un
incontro a sostegno della riforma costituzionale – più che gli
errori credo che ci sia una complessità di una legge che si è,
in questa fase, combinata con un altro processo che non trapela
dalle cronache: dobbiamo ricordare le numerose sentenze dei
giudici amministrativi che stanno rendendo complicatissima la
gestione ordinaria dell’inizio dell’anno scolastico”.
“I contenuti della legge che emergeranno nel corso del tempo
– ha concluso -, quelli che danno scuola e lavoro ai nostri
ragazzi, la scuola digitale, nuove competenze e formazione agli
insegnanti, francamente non li definisco errori ma valori che
abbiamo portato”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione