Riforma formazione e reclutamento, concorso e tre anni di formazione. Soluzione transitoria per Graduatorie Istituto

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Passa oggi in CdM la riforma della formazione e del reclutamento dei docenti. Cambia  il percorso, per accedere sarà necessario passare un concorso.

Addio graduatorie ad esaurimento, per accedere all’insegnamento non si farà più la gavetta delle supplenze.

Il decreto approvato oggi al CdM prevede che dopo la laurea si parteciperà ad un concorso (che avrà cadenza triennale): chi lo supererà entrerà in un percorso formativo di tre anni di cui due di tirocinio a scuola.

Il percorso si concluderà, dopo il terzo anno, con l’assunzione a tempo indeterminato. Il decreto prevede una fase transitoria per chi oggi è già iscritto nelle graduatorie di istituto per la quale attendiamo particolari.

Secondo indiscrezioni giunte in redazione che necessitano di approfondimento, anche le GI perderanno gradualmente importanza con la gestione delle supplenze attraverso i docenti tirocinanti nelle scuole.

Buona Scuola: via libera Consiglio Ministri a 8 deleghe, da reclutamento a sostegno a riforma 0 – 6. Cosa cambia e l”iter di approvazione

Versione stampabile