Riforma. Docenti terza fascia graduatoria istituto accederanno 3 + 2, ma chiedono un solo esame

WhatsApp
Telegram

Sono numerose le proposte presenti nel sito "La Buona Scuola" relativamente al destino dei docenti iscritti nella terza fascia d'istituto. Alcuni propongono percorsi alternativi a quelli previsti dalla riforma per abilitarsi.

Sono numerose le proposte presenti nel sito "La Buona Scuola" relativamente al destino dei docenti iscritti nella terza fascia d'istituto. Alcuni propongono percorsi alternativi a quelli previsti dalla riforma per abilitarsi.

Sappiamo, infatti, che nei progetti del Governo c'è l'abolizione della terza fascia delle Graduatorie d'istituto, dato che le supplenze dovranno essere coperte tramite la banca delle ore e l'organico funzionale.

Che fine faranno i docenti della terza fascia? C'è molta preoccupazione al riguardo. Il problema più pressante riguarda la possibilità di conseguire una abilitazione che consenta loro di accedere alla seconda fascia.

Non che il progetto di Renzi sulla riforma "La Buona scuola" non dia vie di sbocco, solo che ai docenti in questione non piace molto la soluzione.

Infatti, il futuro della formazione e del reclutamento dei docenti, nel testo delle linee guida passa per il 3 + 2.

In pratica, dopo la laurea triennale, i docenti potranno accedere alla specializzazione per l'insegnamento della durata biennale. All'interno del biennio ci sarà anche il tirocinio nelle scuole.

E coloro che hanno una laurea precedente all'avvio del 3 + 2?

Per gli aspiranti che non hanno abilitazione sono previsti esami per accedere al biennio specialistico.

Insomma, dovranno affrontare una selezione ed un percorso formativo biennale con tirocinio annesso.

Soluzione che  non va giù a molti docenti, soprattutto coloro che hanno qualche anno di insegnamento alle spalle.

Seguici su FaceBook. Lo fanno già in 155mila

Nel sito "La Buona Scuola" fioccano le proposte per abilitare gli iscritti in terza fascia. C'è chi chiede di trasformare le lauree precedenti al 3+2 in lauree abilitanti, altri che chiedono di conseguire l'abilitazione con un unico esame, senza affrontare un corso biennale e tirocinio, che tenga conto "del percorso di studi, del voto di laurea, degli anni di esperienza lavorativa nel mondo della scuola, della professionalità, delle capacità relazionali ed educative, del merito, della motivazione e dell'età".

Un esame, quest'ultimo, che dovrebbe avere una cadenza annuale.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, corso di preparazione valido per preselettiva, scritto ed orale. Con esempi. Ultimi giorni a prezzo scontato