Riforma della scuola contestata alla festa Pd da insegnanti con cartelli

Di
WhatsApp
Telegram

"Assunzioni non propaganda", uno dei cartelli esposti da qualche decina di docenti giunta alla festa dell'Unità di Milano.

"Giannini dimettiti", recita un'altro cartello. Al centro della contestazione la riforma.  "Vogliamo assunzioni non vogliamo propaganda", "Maestra licenziata dalla cattiva scuola", sono alcuni dei carteli esposti.

Distribuiti anche volantini che invitano alla mobilitazione contro la riforma, "non  una buona scuola, ma una pessima legge". 

"Assunzioni non propaganda", uno dei cartelli esposti da qualche decina di docenti giunta alla festa dell'Unità di Milano.

"Giannini dimettiti", recita un'altro cartello. Al centro della contestazione la riforma.  "Vogliamo assunzioni non vogliamo propaganda", "Maestra licenziata dalla cattiva scuola", sono alcuni dei carteli esposti.

Distribuiti anche volantini che invitano alla mobilitazione contro la riforma, "non  una buona scuola, ma una pessima legge". 

Il ministro ha difeso quanto è stato fatto, "credo che questo – ha detto – generi un consenso più silenzioso e meno organizzato di quello che stasera abbiamo il piacere di ospitare".

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiornato con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO