Riforma classi di concorso: precari ancora in GaE salvaguardati per insegnamento e partecipazione concorso a cattedra. Nota Miur

Stampa

Il Consiglio di Stato qualche settimana fa aveva dato il proprio benestare allo schema di riordino delle classi di concorso, chiedendo però al "quale sorte subiranno le posizioni dei docenti già inseriti nelle graduatorie vigenti» al momento dell'entrata in vigore delle nuove disposizioni". La risposta dell'Amministrazione.

Il Consiglio di Stato qualche settimana fa aveva dato il proprio benestare allo schema di riordino delle classi di concorso, chiedendo però al "quale sorte subiranno le posizioni dei docenti già inseriti nelle graduatorie vigenti» al momento dell'entrata in vigore delle nuove disposizioni". La risposta dell'Amministrazione.

Il Miur rassicura in merito a tale preoccupazione evidenziando come già nelle stesse premesse dello schema di regolamento recante "Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedra e a posti di insegnamento" si evidenzia che le posizioni di coloro che, ad oggi, sono ancora inseriti in precedenti graduatorie relative a specifiche classi di concorso divenute nello schema oggetto di raggruppamento saranno garantite attraverso la salvaguardia dei diritti acquisiti a legislazione vigente".

Il fenomeno – sottolinea il Miur è residuale – in quanto interessa i pochi docenti della scuola secondaria di I e II grado ancora inseriti nelle Graduatorie, a conclusione del piano straordinario di assunzioni di cui alla legge 107/2015, e non gli insegnanti di scuola dell'infanzia e primaria.

Come avviene la tutela

  • garantendo la reciproca sostituibilità tra i docenti appartenenti ad una singola classe di concorso confluita nel più ampio raggruppamento
  • garantendo la partecipazione ai concorsi a cattedra

Il Miur conclude evidenziando come non saranno lesi i diritti dei docenti inseriti in graduatorie per l'insegnamento di classi di concorso oggetto di raggruppamento, garantendo sia la possibilità di insegnamento che la possibilità di aver titolo utile alla partecipazione ai futuri concorsi a cattedra.

La nota del Miur

I pareri

VII Commissione Cultura Camera

VII Commissione Cultura Senato

Riforma classi di concorso. Consiglio di Stato: ok, ma attenzione a insegnanti già inseriti nelle graduatorie. Concorso a cattedra con vecchie classi

La bozza ultima versione settembre 2015

Riforma classi di concorso. Bozza completa e ufficiale. Utile per concorso e dal 2016/17 per docenti di ruolo

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur