Riforma cicli scolastici, tre ipotesi: cancelliamo le medie, tre anni di superiori o ciclo unico

Tre ipotesi di riforma dei cicli scolastici, innovativa, intermedia, continuista, redatte da Scuola democratica, rivista scientifica.

Innovativa

Il ciclo unico di base con sei sub-cicli: tre anni dell’infanzia; i primi due anni dell’attuale primaria; i secondi due anni; il quinto anno insieme al primo dell’attuale secondaria di primo grado; l’attuale secondo e terzo anno della secondaria di primo grado; il primo biennio della secondaria di secondo grado.

Nel primo sub-ciclo insegnerebbero i maestri della scuola dell’infanzia; nei due successivi sub-cicli i maestri della primaria, nel quarto i maestri con specifiche competenze + gli insegnanti della media; nel quinto gli insegnanti della media; nel sesto gli insegnanti delle secondarie di secondo grado. In questo modo, secondo Scuola democratica, si andrebbe a rafforzare il curricolo verticale e addolcire le attuali transizioni fra i cicli, in particolare quella fra primaria e secondaria.

Intermedia: 3+5+5

Ai tre anni di scuola dell’infanzia e ai cinque anni della primaria ne seguirebbero cinque di scuola secondaria inferiore, dove potrebbero insegnare sia gli attuali docenti delle secondarie di primo grado sia gli attuali docenti delle secondarie di secondo grado.

Continuista: 3+5+3+2

Si andrebbero a evitare gli shock di cambiamenti strutturali in cui sono coinvolti anche gli status istituzionali degli insegnanti.

Tutti i percorsi della secondaria superiore avrebbero la durata di tre anni. Attualmente in Italia il percorso scolastico dura 13 anni, uno dei più lunghi se rapportato al resto dell’Europa.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia