Riforma, assunzioni. Emendamento taglia obbligo di scegliere prioritariamente sostegno

di redazione
ipsef

I docenti che saranno assunti con il Piano straordinario di assunzioni 2015, previsto dalla riforma, potranno scegliere se entrare di ruolo sul sostegno oppure sui posti comuni.

I docenti che saranno assunti con il Piano straordinario di assunzioni 2015, previsto dalla riforma, potranno scegliere se entrare di ruolo sul sostegno oppure sui posti comuni.

Lo prevede un nuovo emendamento della commissione Cultura alla Camera al ddl Scuola. La proposta – che sarà votata questa sera – modifica l'articolo 10 della riforma sul Piano straordinario di assunzioni.

Quindi salterà – con l'approvazione dell'emendamento – l'obbligo per gli insegnanti abilitati al sostegno di essere assunti sui posti medesimi. Il testo attuale prevede infatti che "sono assunti prioritariamente sui posti di sostegno" quei docenti "in possesso del relativo titolo di specializzazione". Con l'emendamento i docenti potranno invece scegliere se essere assunti su posti comuni oppure no.

"I docenti specializzati potranno scegliere se andare sul sostegno o su posti comuni. Questo vuol dire che non ci sono vincoli e obblighi e che il sostegno è una scelta libera". Così il sottosegretario all'Istruzione, Davide Faraone, spiega l'emendamento della Commissione, che riformula il comma 5 dell'articolo 10, sull'assunzione dei docenti precari. L'articolo era stato accantonato e ora è in attesa di essere approvato dall'assemblea.

Tutto sulla Buona scuola, con gli emendamenti approvati

La diretta

Il testo dell'emendamento

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione