Riforma. Assunzioni calano a 100mila, fuori gli idonei concorso (?) e dentro 10 mila abilitati con servizio delle GI

Stampa

Renzi insiste per il disegno di legge. C'è forte rischio che slittino le assunzioni, ancora conferme per il piano B: 50mila a settembre e il resto nel 2016. 

Renzi insiste per il disegno di legge. C'è forte rischio che slittino le assunzioni, ancora conferme per il piano B: 50mila a settembre e il resto nel 2016. 

Secondo indiscrezioni, sarebbero calate a 100mila le assunzioni incluse nella riforma della scuola. Una prospettiva già profilatasi nella giornata di ieri, ma della quale abbiamo avuto conferma soltanto in tarda serata.

Si tratta, ribadiamo, di indiscrezioni, non abbiamo ancora visionato la bozza del DDL, quindi le notizie vanno pesate in quanto tali.

Conferme giungono sulla possibile esclusione dal piano di assunzioni dei docenti non vincitori, ma idonei, del concorso a cattedra del 2012. La notizia, in realtà, era trapelata già ieri attraverso le pagine di Repubblica, che non abbiamo riportato per non allarmare i diretti interessati. Oggi, un'ulteriore conferma giunge dal Sole24Ore. Una esclusione che presenterebbe dei contorni non chiari: il decreto 356 già a maggio 2014  aveva stabilito che le assunzioni potevano oltrepassare il numero dei posti banditi con scorrimento degli idonei non vincitori già dal 2014/15, come già è stato fatto per le assunzioni di quest'anno. Si tratterebbe, dunque, se confermata l'indiscrezione, di un passo indietro inspiegabile, oltre al fatto che si aprirebbe una breccia per i tribunali.

Una scelta che non regge e sulla quale avremmo qualche perplessità sulla effettiva veridicità, ma che, probabilmente, obbedisce alla volontà di coinvolgere più assunzioni dalle Graduatorie ad esaurimento, soprattutto per quelle classi di concorso come infanzia e primaria che in alcune regioni presentano lunghe liste. Sapremo nelle prossime ore.

Sarebbe confermato, invece, il coinvolgimento nelle operazioni dei docenti abilitati con servizio delle Graduatorie d'istituto. Si parla di 10/15mila docenti. Per loro si profila una assunzione temporanea nell'organico funzionale, della durata di un anno, quindi dei posti riservati nel concorso 2015/16. Vedi anche: GaE soppresse non svuotate, residui faranno concorso, contentino II fascia, sospensione assegnazioni provvisorie. Cosa non è piaciuto della bozza riforma

Il resto dei posti promessi sarà messo a bando con il nuovo concorso. Vedi: Concorso a cattedra. Bando entro 1° ottobre 2015, posti riservati per esclusi da assunzioni GaE e GI con 36 mesi, graduatorie valide max 3 anni

Questo impianto, per sommi capi, è quanto sarebbe previsto dal DDL e sarà attuato se la legge verrà varata in tempi ragionevoli.

Il pacchetto riforma, però, va in blocco, dato che il piano straordinario di assunzioni è subordinato all'attivazione dell'organico dell'autonomia (funzionale) che deve essere regolamentato. Non si possono estrapolare solo le assunzioni.

Renzi ha anche sentito i suoi parlamentari, quelli posizionati nelle "sedie strategiche", per avere la certezza che l'iter delle commissioni sia quanto più celere possibile.

La scelta del DDL ha, però, scoraggiato molti docenti precari, perché, anche quando si riuscisse a varare la legge ad aprile (cosa che potrà avvenire con un tour de force parlamentare), l'avvio della macchina burocratica ha i suoi tempi e non permetterebbero di assumere i precari entro settembre 2015.

Una delle difficoltà consiste nell'assegnazione dell'organico funzionale, dato che le scuole dovranno vedersi assegnati docenti non soltanto in base al numero di alunni, a criteri legati alla lotta contro la dispersione, ma anche in base alla progettualità. Insomma, ci vuole del tempo.

L'alternativa è, dunque, l'assunzione di 50 mila (circa) precari a settembre 2016, sui posti effettivamente disponibili e il resto nel 2016, con l'attivazione dell'organico funzionale, che abbiamo chiamato "Piano B" e che oggi viene confermato da altre fonti giornalistiche.

Se si dovesse attuare quest'ultima soluzione, il suggerimento che abbiamo dato in un precedente articolo è di assumere i docenti precari durante il 2015, ad organico funzionale pianificato, giuridicamente e con assunzione effettiva nel 2016, in modo da non far perdere loro un anno di carriera e soprattutto per rispondere alle aspettative di migliaia di persone. Assunzioni insegnanti. Repubblica conferma in due anni, ma c'è una terza via

Tra oggi e domani sapremo se all'interno del DDL sarà spuntato un coniglio dal cilindro che consentirà l'attuazione del piano di assunzione si da subito.

Tutto sulla "Buona scuola"

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione