Riforma. Approvato articolo 3: arriva curriculum studente

di redazione
ipsef

Approvato l'articolo 3 della riforma della scuola alla Camera. Restano finanziamenti esterni, stop a sponsorizzazioni per percorsi formativi, si a curriculum studente. Ricordiamo che fino alle 22 si voteranno gli emendamenti e gli articoli della riforma.

Approvato l'articolo 3 della riforma della scuola alla Camera. Restano finanziamenti esterni, stop a sponsorizzazioni per percorsi formativi, si a curriculum studente. Ricordiamo che fino alle 22 si voteranno gli emendamenti e gli articoli della riforma.

OK NO SPONSORIZZAZIONI PER FINANZIARE PERCORSI FORMATIVI

 L'articolo 3, inoltre, istituisce il Curriculum dello studente – di cui, come previsto a seguito dell'esame in sede referente, si tiene conto durante il colloquio dell'esame di Stato – che, oltre a documentare il percorso di studi, attesta lo svolgimento di esperienze formative in ambito extrascolastico.

Dispone, altresì, che il dirigente scolastico, di concerto con gli organi collegiali, può individuare percorsi formativi e iniziative diretti all'orientamento e a una valorizzazione del merito scolastico e dei talenti, utilizzando anche finanziamenti esterni. Durante l'esame in aula è stata soppressa la parte che prevedeva la possibilità di utilizzare anche finanziamenti derivanti da sponsorizzazioni.

Ulteriori contenuti, inseriti durante l'esame in commissione, riguardano lo sviluppo della conoscenza delle tecniche di primo soccorso nelle scuole secondarie e il sostegno di eventuali problematiche riguardanti gli studenti di origine straniera nelle attività e nei progetti di orientamento per la prosecuzione degli studi o l'accesso al mondo del lavoro.

RESTANO I FINANZIAMENTI 'ESTERNI'. Per finanziare i percorsi formativi e iniziative diretti a garantire un maggiore coinvolgimento degli studenti nonché una valorizzazione del merito scolastico e dei talenti, il preside potrà utilizzare sì finanziamenti esterni, ma non quelli derivanti da sponsorizzazioni.

Lo prevede un emendamento della commissione Cultura della Camera al ddl Scuola, approvato nell'aula di Montecitorio.

L'emendamento prevede di eliminare l'ultimo periodo del comma 2 dell'articolo 3, che per l'appunto, nella formulazione attuale, prevede la possibilità di utilizzare finanziamenti esterni "derivanti da sponsorizzazioni, fermi restando gli obblighi di trasparenza delle procedure".

L'emendamento riformula e assorbe un emendamento del Movimento 5 stelle, che chiedeva, oltre alla soppressione delle sponsorizzazioni anche quella al riferimento ai finanziamenti esterni.

OK AULA CAMERA AD ART.3 SU PERCORSO FORMATIVO STUDENTI

L'aula della Camera ha approvato l'articolo 3 del ddl Scuola con 267 sì e 92 no. Ora si procederà con l'esame delle modifiche all'articolo 4.

L'articolo 3, modificato in commissione Cultura e in aula, prevede l'attivazione, solo nel 2° biennio e nell'ultimo anno delle scuole secondarie di secondo grado (invece che nell'intero percorso secondario di secondo grado), di insegnamenti opzionali a scelta degli studenti, anche utilizzando la quota di autonomia e gli spazi di flessibilità.

Gli stessi insegnamenti possono essere attivati anche da reti di scuole e possono essere individuati docenti cui affidare il coordinamento delle relative attività

IL COMMENTO DELL'ON ASCANI

"Finalmente viene introdotto un curriculum dello studente di cui si tiene conto nell'esame di Stato. Quel curriculum raccoglierà non solo i dati relativi al percorso di studio, ma anche le esperienze di alternanza scuola-lavoro, le attività culturali, sportive e di volontariato dei ragazzi. In più l'articolo 3 prevede l'introduzione nell'ultimo biennio e nel secondo anno delle scuole superiori di insegnamenti opzionali, così che i ragazzi insieme alle famiglie possano scegliere una parte del proprio percorso, ferme restando le discipline base". Lo ha detto Anna Ascani, deputata Pd componente della commissione Cultura durante la dichiarazione di voto sull'art. 3 del provvedimento sulla scuola.

Tutto sulla Buona scuola

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione