Riforma. Emendamento vuole albi coincidano con reti scuole, come funzioneranno? Come dirigente sceglierà docenti? Più storia, lingue, filosofia e cinema. Scarica tutti emendamenti

di redazione
ipsef

In VII Commissione cultura alla Camera si è lavorato fino a tardi e sono stati votati,  nonché approvati, alcuni emendamenti. Come saranno determinate le reti di scuole?

In VII Commissione cultura alla Camera si è lavorato fino a tardi e sono stati votati,  nonché approvati, alcuni emendamenti. Come saranno determinate le reti di scuole?

OK PRECISAZIONE FUNZIONI DIRIGENTI: RISPETTO ORGANI COLLEGIALI

Per una piena attuazione dell'autonomia scolastica, la funzione del dirigente scolastico dovrà "garantire un'efficiente gestione, delle risorse umane, finanziarie, tecnologiche e materiali", rispettando "le competenze degli organi collegiali". Questo il contenuto di un emendamento al ddl Scuola, riformulato dalla relatrice Maria Coscia (Pd), approvato dalla commissione Culturale alla Camera, che modifica l'articolo 2 sull'autonomia scolastica.

La proposta introduce una precisazione nel testo, sul ruolo del collegio docenti e il consiglio d'istituto e cancella la parola "rafforzata" in relazione alle funzioni del dirigente.

ALBI REGIONALI COINCIDANO CON RETI SCUOLE

"Le istituzioni scolastiche, afferenti al medesimo albo territoriale, costituiscono apposita rete finalizzata alla valorizzazione delle risorse professionali e alla gestione di funzioni e attività amministrative". Dunque gli albi territoriali dovranno essere definiti dagli uffici scolastici regionali in relazione alla "popolazione scolastica", la vicinanza delle scuole e le "caratteristiche geografiche del territorio". È quanto prevede uno degli emendamenti che il Pd ha presentato in commissione Cultura alla Camera al ddl Scuola.

 La proposta prevede che entro 30 giorni dall'approvazione del ddl, il Miur dovrà emanare le linee guida per la definizione delle convenzioni tra le scuole che dovranno disciplinare: "I principi per l'assegnazione di incarichi ai docenti afferenti all'albo territoriale che dovranno conformarsi alle norme antidiscriminatorie sul lavoro per l'assegnazione di incarichi ai docenti afferenti all'albo territoriale; i criteri e le modalità per l'attribuzioni di incarichi su insegnamenti opzionali o specialistici o di coordinamento e progettazione a docenti; i piani di formazione del personale".

E ancora: le convenzioni dovranno tener conto delle "risorse" da destinare alla rete "per il perseguimento delle proprie finalità; forme e modalità per la pubblicità delle decisioni assunte, e dei rendiconti delle attività svolte; e i principi di governance della rete stessa".

Inoltre, l'emendamento precisa che "i ruoli del personale docente sono regionali, articolati in albi territoriali, suddivisi in sezioni separate per gradi di istruzione, classi di concorso e tipologie di posto".

Quindi, il dirigente potrà scegliere i docenti all'interno dell'albo coincidente con la rete di scuola determinata dagli USR e con criteri che saranno definiti dal Ministero, al fine di ridurre gli spazi di discrezionalità. A riguardo ci sono anche altri emendamenti dei quali vi daremo notizie se verranno approvati.

OK EMENDAMENTO PD CON SPECIFICA SU ORGANICO AUTONOMIA

TUTTI DOCENTI REALIZZANO PIANO ASSUNZIONI. L'organico dell'autonomia sarà istituito "sull'intera istituzione scolastica, o istituto comprensivo, e su tutti gli indirizzi degli istituti secondari di secondo grado afferenti alla medesima istituzione scolastica". Lo puntualizza un emendamento del Pd approvato dalla commissione Cultura alla Camera che modifica l'articolo 2 del ddl Scuola.

Lo stesso emendamento stabilisce che "tutti i docenti dell'organico dell'autonomia concorrono alla realizzazione del Piano triennale dell'offerta formativa con attività d'insegnamento, di potenziamento, di sostegno, di organizzazione, di progettazione e coordinamento".

ARRIVA POTENZIAMENTO PER TUTTE LINGUE EUROPEE

Valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano, "nonché alla lingua inglese e alle altre lingue comunitarie", anche mediante utilizzo della metodologia Content language integrated learning. Lo puntualizza un emendamento del Pd approvato dalla commissione Cultura alla Camera che modifica l'articolo 2 del ddl Scuola.

OK PIÙ STORIA E FILOSOFIA E COMPETENZE CINEMA-MUSICA

Potenziamento non solo delle competenze nella musica e nell'arte, ma anche "nello spettacolo dal vivo", nel cinema, e delle conoscenze storiche e filosofiche. Lo prevedono due emendamenti a firma Sel e Pd approvati in commissione Cultura alla Camera che modificano il ddl Scuola.

Nelle prossime ore gli altri emendamenti votati

Vedi anche

Albi territoriali da 2016/17, più soldi ai presidi, genitori e studenti nel nucleo valutazione

Mobilità straordinaria docenti di ruolo solo nel 2016/17, per il PD non c'è tempo adesso

Il testo del DDL come presentato alla Camera

TUTTI GLI EMENDAMENTI PRESENTATI

Tutti gli emendamenti all'articolo 1
Tutti gli emendamenti all'articolo 2
Tutti gli emendamenti all'articolo 3
Tutti gli emendamenti all'articolo 4
Tutti gli emendamenti all'articolo 5
Tutti gli emendamenti all'articolo 6
Tutti gli emendamenti all'articolo 7
Tutti gli emendamenti all'articolo 8
Tutti gli emendamenti dall'articolo 9 all'articolo 16

SUBEMENDAMENTI ED EMENDAMENTI APPROVATI

ART. 1.

  All'articolo 1, comma 1, sopprimere la parola nuovo. 
0. 1. 2000. 13. Centemero, Palmieri.

  Al comma 1, sostituire la parola modi con la seguente stili 
0. 1. 2000. 14. Centemero, Palmieri.

  Al comma 1, dopo le parole di apprendere aggiungere le seguenti in coerenza con il profilo educativo culturale e professionale degli ordini di scuola 
0. 1. 2000. 15. Centemero, Palmieri.

  Al comma 1, dopo le parole per tutte le studentesse e gli studenti inserire le seguenti: ed educazione permanente per tutti i cittadini,. 
0. 1. 2000. 7. (Nuova Formulazione) Borghesi, Simonetti.

  Al comma 2, sopprimere le parole conoscenze e delle 
0. 1. 2000. 19. Centemero, Palmieri.

  Al comma 3, all'alinea, sostituire le parole le competenze disciplinari e didattiche, con le seguenti: le conoscenze disciplinari e didattiche e le competenze, 
0. 1. 2000. 21. (Nuova Formulazione). Centemero, Palmieri.

  Al comma 3), lettera a), dopo la parola disciplina aggiungere le seguenti: ivi comprese attività ed insegnamenti interdisciplinari. 
0. 1. 2000. 2. Santerini.

  Al comma 2, dopo le parole a tali fini la aggiungere le seguenti: partecipazione alle decisioni degli organi collegiali e 
0. 1. 2000. 3. (Nuova Formulazione). Giancarlo Giordano, Pannarale.

  Sostituire l'articolo 1 con il seguente: 
  1. Al fine di innalzare i livelli di istruzione e competenze delle studentesse e degli studenti, contrastare le diseguaglianze socio-culturali e territoriali, prevenire e recuperare l'abbandono e la dispersione scolastica, affermare il nuovo ruolo della scuola nella società della conoscenza, costruire curricoli coerenti con i nuovi modi di apprendere, realizzare una scuola aperta, laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica, di partecipazione e di educazione alla cittadinanza attiva, garantire il diritto allo studio e pari opportunità di successo formativo per tutte le studentesse e gli studenti, la presente legge dà piena attuazione all'autonomia delle istituzioni scolastiche di cui all'articolo 21 della legge 15 marzo 1997 n. 59, anche in relazione alla dotazione finanziaria. 
  2. Le istituzioni scolastiche garantiscono a tali fini la massima flessibilità, diversificazione, efficienza ed efficacia del servizio scolastico, nonché l'integrazione e il miglior utilizzo delle risorse e delle strutture, l'introduzione di tecnologie innovative e il coordinamento con il contesto territoriale. In tale ambito, l'istituzione scolastica effettua la programmazione triennale dell'offerta formativa per il potenziamento dei saperi, delle conoscenze e delle competenze di studentesse e studenti e per l'apertura della comunità scolastica al territorio con il pieno coinvolgimento delle istituzioni e delle realtà locali. 
  3. La piena realizzazione del curricolo della scuola ed il raggiungimento degli obiettivi di cui all'articolo 2, la valorizzazione delle potenzialità e degli stili di apprendimento di studentesse e studenti nonché della comunità professionale scolastica con lo sviluppo del metodo cooperativo, nel rispetto della libertà di insegnamento, per incrementare le competenze disciplinari e didattiche, la collaborazione e la progettazione, l'interazione con le famiglie e il territorio, sono assicurati mediante le forme di flessibilità dell'autonomia didattica ed organizzativa prevista dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 275 del 1999 e in particolare attraverso: 
   a) l'articolazione modulare del monte ore annuale di ciascuna disciplina; 
   b) il potenziamento del tempo scuola anche oltre i modelli e i quadri orari, nei limiti della dotazione organica dell'autonomia, tenuto conto delle scelte degli studenti e delle famiglie; 
   c) la programmazione plurisettimanale e flessibile dell'orario complessivo del curricolo e di quello destinato alle singole discipline, anche mediante l'articolazione del gruppo classe. 
1. 2000. Relatrice.

ART. 2.

  Al comma 1, primo periodo, sostituire le parole: è rafforzata la funzione del dirigente scolastico per garantire un'efficiente gestione delle risorse umane, finanziarie tecnologiche e materiali, con le seguenti: la funzione del dirigente scolastico, nel rispetto delle competenze degli organi collegiali, garantisce un'efficace e un'efficiente gestione delle risorse umane, finanziarie, tecnologiche e materiali, 
*2. 217. (Nuova formulazione). Cristian Iannuzzi.

  Al comma 1, primo periodo, sostituire le parole: è rafforzata la funzione del dirigente scolastico per garantire un'efficiente gestione delle risorse umane, finanziarie tecnologiche e materiali, con le seguenti: la funzione del dirigente scolastico, nel rispetto delle competenze degli organi collegiali, garantisce un'efficace e un'efficiente gestione delle risorse umane, finanziarie, tecnologiche e materiali,. 
*2. 248. (Nuova formulazione). Simonetti, Borghesi.

  Al comma 1, primo periodo, sostituire le parole: è rafforzata la funzione del dirigente scolastico per garantire un'efficiente gestione delle risorse umane, finanziarie tecnologiche e materiali, con le seguenti: la funzione del dirigente scolastico, nel rispetto delle competenze degli organi collegiali, garantisce un'efficace e un'efficiente gestione delle risorse umane, finanziarie, tecnologiche e materiali, 
*2. 58. (Nuova formulazione). Vacca.

  Al comma 1, dopo le parole È istituito aggiungere le seguenti sull'intera istituzione scolastica, o istituto comprensivo, e su tutti gli indirizzi degli istituti secondari di secondo grado afferenti alla medesima istituzione scolastica.

  Conseguentemente, alla fine al medesimo comma, aggiungere il seguente periodo Tutti i docenti dell'organico dell'autonomia concorrono alla realizzazione del Piano triennale dell'offerta formativa con attività d'insegnamento, di potenziamento, di sostegno, di organizzazione, di progettazione e coordinamento. 
2. 1034. Rocchi, Carocci, Malpezzi, Ascani, Blazina, Bossa, Coccia, Crimì, D'Ottavio, Ghizzoni, Malisani, Manzi, Narduolo, Pes, Rampi, Andrea Romano, Rossi, Sgambato, Ventricelli, Mazzoli, Fabbri.

  Al comma 3, all'alinea, sostituire le parole: dei seguenti obiettivi con le seguenti: per il raggiungimento degli obiettivi formativi individuati come prioritari tra i seguenti. 
2. 10. Centemero, Palmieri, Lainati, Altieri.

  Al comma 3, sostituire la lettera a) con la seguente: 
   a) valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano, nonché alla lingua inglese e ad altre lingue comunitarie, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrate learning
2. 1060. (Nuova formulazione). Cristian Iannuzzi.

  Al comma 3, lettera c), sostituire la parola: musica, con le seguenti: pratica e nella cultura musicale. 
2. 171 (Nuova formulazione). Ghizzoni, Bossa, Malpezzi, Rocchi, Carocci, Ascani, Blazina, Coccia, Crimì, D'Ottavio, Malisani, Manzi, Narduolo, Pes, Rampi, Andrea Romano, Rossi, Sgambato, Ventricelli.

  Al comma 3, alla lettera c) dopo le parole nella musica, inserire le seguenti nello spettacolo dal vivo e alla lettera f) dopo le parole alfabetizzazione all'arte aggiungere le seguenti al cinema. 
2. 1027. Rampi, Manzi, Malpezzi.

  Al comma 3, lettera c) sostituire le parole e nell'arte con le seguenti , nell'arte e nella storia dell'arte, con attenzione ai temi della tutela del patrimonio artistico, culturale e ambientale in Italia e nella dimensione internazionale. 
2. 1028. Ghizzoni.

  Al comma 3, lettera e), sostituire le parole: dei beni e delle attività culturali e dei beni paesaggistici, con le seguenti: dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali, artistiche e musicali, anche mediante il coinvolgimento dei musei e degli altri istituti pubblici e privati operanti in tali settori. 
2. 170. Ghizzoni, Bossa, Malpezzi, Rocchi, Carocci, Ascani, Blazina, Coccia, Crimì, D'Ottavio, Malisani, Manzi, Narduolo, Pes, Rampi, Andrea Romano, Rossi, Sgambato, Ventricelli.

  Al comma 3, lettera f), sostituire le parole: all'arte, con le seguenti: alla storia dell'arte, all'arte e alla musica.

  Conseguentemente, alla medesima lettera, dopo la parola: immagini, aggiungere le seguenti: e dei suoni. Aggiungere, in fine, le seguenti parole; anche mediante il coinvolgimento dei musei e degli altri istituti pubblici e privati operanti in tali settori. 
2. 169. Ghizzoni, Bossa, Malpezzi, Rocchi, Carocci, Ascani, Blazina, Coccia, Crimì, D'Ottavio, Malisani, Manzi, Narduolo, Pes, Rampi, Andrea Romano, Rossi, Sgambato, Ventricelli.

  Al comma 3, dopo la lettera h) aggiungere la seguenteh-bis) potenziamento delle metodologie laboratoriali e della attività di laboratorio. 
2. 1082. Centemero, Palmieri.

  Al comma 3, lettera m) dopo le parole: studenti per classe, aggiungere le seguenti: o articolazioni di gruppi di classi e anche con potenziamento del tempo scuola o rimodulazione del monte orario rispetto a quanto indicato al decreto del Presidente della Repubblica n. 89 del 2009. 
2. 162. Rocchi, Carocci, Malpezzi, Ascani, Blazina, Bossa, Coccia, Crimì, D'Ottavio, Ghizzoni, Malisani, Manzi, Narduolo, Pes, Rampi, Andrea Romano, Rossi, Sgambato, Ventricelli, Fassina, Mazzoli, Fabbri.

  Al comma 3 dopo la lettera q) aggiungere la seguente: 
   q-bis) definizione di un sistema di orientamento che renda consapevoli delle scelte scolastiche effettuate e del possibili sbocchi professionali dei percorsi intrapresi. 
2. 11. Centemero, Palmieri.

Versione stampabile
anief
soloformazione