Riforma. Approvati articoli 4 e 5: collegamento con lavoro e insegnamenti nelle carceri. Maggioranza battuta su emendamento

di redazione
ipsef

Va avanti come un treno la discussione sugli emendamenti relativi alla riforma della scuola. Approvati altri due articoli. Schiacciante il numero dei sì: 269 voti per l'art 4 e 329 per il 5.

Va avanti come un treno la discussione sugli emendamenti relativi alla riforma della scuola. Approvati altri due articoli. Schiacciante il numero dei sì: 269 voti per l'art 4 e 329 per il 5.

AULA CAMERA APPROVA ART.4 SU COLLEGAMENTO CON LAVORO

L'articolo rafforza il collegamento fra scuola e mondo del lavoro. In particolare, introduce una previsione di durata minima dei percorsi di alternanza scuola-lavoro negli ultimi 3 anni di scuola secondaria di secondo grado (almeno 400 ore negli istituti tecnici e professionali e almeno 200 ore nei licei), prevede la possibilità di stipulare convenzioni anche con gli ordini professionali e dispone che l'alternanza può essere svolta durante la sospensione delle attività didattiche – nonché, in base alle modifiche apportate durante l'esame in sede referente, all'estero – e anche con la modalità dell'impresa formativa simulata.

Per le finalità indicate, nonché per l'assistenza tecnica e il monitoraggio dell'attuazione delle stesse, viene autorizzata la spesa di 100 milioni di euro dal 2016.

 OK AULA CAMERA AD ART. 5 SU INSEGNAMENTI NELLE CARCERI

L'aula della Camera ha approvato con 329 voti a favore e 9 voti contrari l'articolo 5 del ddl Scuola.

Il nuovo articolo 5 riguarda l'insegnamento relativo alla scuola primaria negli istituti penitenziari. Si prevede in particolare una disciplina transitoria per l'accesso al già previsto ruolo speciale. I docenti di tale ruolo speciale sono incardinati nei Centri provinciali per l'istruzione degli adulti. Insegnare negli istituti penitenziari. Ruolo speciale per la primaria: previsti corsi di specializzazione appositi

GOVERNO E MAGGIORANZA BATTUTI IN AULA SU EMENDAMENTO

L'emendamento bocciato è il 6.400 della commissione Cultura che prevedeva che il dm del Miur che dovrà favorire le misure di semplificazione e di promozione degli istituti tecnici superiori, dovesse anche prevedere per le fondazioni di partecipazione cui fanno capo gli istituti tecnici superiori la revisione amministrativo-contabile per la rendicontazione dei percorsi uniforme in tutto il territorio nazionale.

A votazione aperta il presidente di turno Roberto Giachetti (Pd) ha chiesto a Luigi Gallo del M5s se dovesse parlare e quindi si dovesse interrompere la votazione. Poco dopo ha chiuso la votazione e il risultato è stato la bocciatura dell'emendamento.

A seguire in aula è intervenuto il vicepresidente dei deputati del Pd, Ettore Rosato, spiegando che l'esito della votazione è stato dovuto a una confusione al momento del voto e ha chiesto a Giachetti di valutare il da farsi. Giachetti non ha invalidato il voto ma si è scusato per l'accaduto che, ha detto, comunque non comporta conseguenze nè sul testo nè sulla maggioranza.

Tutto sulla Buona scuola

Versione stampabile
anief anief
soloformazione