Rifiuti, cocci di bottiglia e deiezioni umane: il giardino della scuola ridotta a pattumiera. Genitori esasperati

WhatsApp
Telegram

I genitori degli studenti di una scuola primaria in provincia di Padova sono preoccupati per il degrado dell’istituto e hanno già rivolto più di un appello all’amministrazione, affinché intervenga per porre fine alla situazione e garantire la sicurezza degli alunni.

I genitori lamentano che ogni mattina il giardino della scuola risulti infestato di rifiuti, cocci di bottiglia e persino di deiezioni umane. Inoltre, le due panchine installate nel giardino, fissate al terreno, sono state divelte e ritrovate in diverse posizioni all’interno dello spazio verde.

Una rappresentante dei genitori in Consiglio d’Istituto, ha spiegato che il giardino della scuola è separato dalla strada da una recinzione con un cancelletto che non dispone di una chiusura adeguata, il che permette a gruppi di ragazzi di entrare nel parco della scuola durante la notte, poiché esso è alquanto buio e poco sorvegliato.

Per un lungo periodo, i genitori si sono alternati nel compito di raccogliere i rifiuti, al fine di garantire che i loro figli non debbano giocare tra l’immondizia o farsi male sui cocci di vetro. Tuttavia, tale iniziativa ha dovuto essere abbandonata, e pertanto i genitori chiedono che il giardino venga ripulito dalle autorità competenti.

Il genitore ha dichiarato che manca la sorveglianza e che le telecamere di sorveglianza, offerte gratuitamente, potrebbero rappresentare una soluzione efficace. Tuttavia, purtroppo, l’installazione delle telecamere non è stata possibile e non sono state fornite spiegazioni chiare in merito alle motivazioni che hanno portato a tale decisione. Le telecamere rappresenterebbero un deterrente e potrebbero individuare i responsabili dei vandalismi costanti.

I genitori hanno sottolineato tali motivazioni e richiedono una risposta dall’amministrazione in merito alla situazione presente presso la scuola. Tali lamentele sono condivise anche dagli insegnanti. In particolare, i docenti hanno evidenziato la presenza di tracce del passaggio di persone che non dovrebbero essere presenti all’interno della scuola, soprattutto sulla piastra multifunzionale che dovrebbe essere chiusa almeno durante le ore di lezione. Inoltre, è stata segnalata la presenza di persone che entrano nella scuola per passeggiare con il cane, senza raccogliere i bisogni del loro animale.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri