Rientro in classe, Pacifico (Anief): “I problemi rimangono, serve intervenire al più presto”

Stampa

Tornano domani in classe gli studenti delle superiori della Puglia, Calabria, Basilicata, Sardegna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Campania: gli studenti potranno tornare a frequentare in presenza, pur rispettando una capienza ridotta al 50% alternandosi in classe, quindi alternando con la didattica a distanza.

Ogni regione ha organizzato il rientro del 1° febbraio con modalità logistiche, di sanità preventiva e scolastiche sulla base delle proprie esigenze. Molto dipenderà anche dalle singole scuole: “Le decisioni prese dagli organi collegiali, quindi da consigli di classe, collegi dei docenti e consigli d’istituto, hanno risentito in modo forte delle caratteristiche peculiari dei vari territori”, commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief.

 “Le decisioni prese dai territori – commenta il leader del sindacato – sono frutto degli incontri svolti dalle parti interessate con i prefetti e con le città metropolitane per i collegamenti, anche se soprattutto nelle città più grandi i mezzi pubblici rimangono inferiori alle esigenze. Si è cercato di provvedere con gli ingressi scaglionati, ma non sono facili da applicare: certamente si è ridotto il pericolo di assembramenti, ma di base se le vetture per viaggiare mancano, gli orari diversificati non le hanno fatte di certo moltiplicare. È bene, inoltre, che le decisioni prese siano concordate anche con i dirigenti scolastici e con le scuole: è un’esigenza fondamentale, che però sembra che non sia stata sempre rispettata. Sempre per cercare di tutelare l’attività didattica. Solo ieri sera, ad esempio, le scuole superiori della Sicilia sono state avvisate che la dad sarebbe continuata un’altra settimana”.

“A questo punto – dice Marcello Pacifico, leader dell’Anief – diventa indispensabile spendere al meglio i fondi che arriveranno alla scuola con il Recovery Fund: bisogna assolutamente garantire il diritto allo studio, recuperare i 12 mila plessi scolastici tagliati con il dimensionamento, ridurre il numero di alunni per classe, anche arrivando a sdoppiare le più numerose, incrementare in modo sensibile gli organici. Il rischio contagi, se si attuano queste disposizioni basilare, in questo modo potranno certamente ridursi”. Il sindacalista, comunque, cerca anche di responsabilizzare che vive nella scuola: “le regole d’igiene e di distanziamento vanno rispettate, gli studenti lo devono sempre ricordare”.

Il sindacalista, infine, si dice contrario alla proroga della fine dell’anno scolastico: “Abbiamo sottoscritto un contratto che regola e ufficializza la didattica a distanza: di certo, è una modalità che non può sostituire le lezioni svolte fisicamente in classe, ma è una modalità che sta funzionando meglio e che, attraverso la didattica digitale integrata, è ormai entrata a far parte del nostro modo di fare formazione”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur