Rientro del docente dopo il 30 aprile: come si contano i 90 gg. di assenza nelle classi terminali? Allattamento e rientro a disposizione

di Giulia Boffa
ipsef

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Supplenze: art 37 del CCNL/2007 o supplenza per i giorni indispensabili?
Carmela
  – Gent. mo Paolo, ho un quesito da porti in merito alla mia situazione  attuale. Sono una docente di lettere precaria che sostituisce  nell’insegnamento della Storia e Geografia in una scuola media, in due classi (una prima e una seconda) la titolare in riduzione oraria (6 ore   di riduzione) per incarico amministrativo (assessore in una  amministrazione comunale)(art. 4 Legge 27.12.1985 n. 816, D.Lgs.  18.8.2000 n. 267, art. 68 D.Lgs. 30.3.2001 e art. 35 del CCNL del  24.7.2003).)  La titolare ha presentato comunicazione mensile come previsto dagli  articoli su citati. In base a quanto suddetto, permanendo l’incarico amministrativo della  titolare nei mesi successivi ho ricevuto incarico a supplirla, con  Conferma Contrattuale, il Lunedì (3 ore) e il Mercoledì (3 ore) dal:8/10/2014 al 29/10/20143/11/2014 al 26/11/2014 1/12/2014 al 17/12/2014 7/1/2015al 28/1/2015 2/2/2015 al 24/2/2015 1/3/2015al 31/3/2015e in atto 1/4/2014al 29/4/2015. In sintesi la docente titolare non è mai rientrata nelle classi per  l’insegnamento della storia e geografia. E’ stata assente in maniera  continuativa. Io l’ho supplita continuativamente, (con conferma contrattuale mensile) per tutte le lezioni scolastiche delle classi  oggetto della riduzione oraria della titolare dal 8 Ottobre 2014 ad oggi. Permanendo la situazione volevo sapere se al riguardo possa applicarsi  quanto disposto dall’art. 37 ccnl/2007 riguardante il rientro del  titolare dopo il 30 Aprile dal momento che la stessa non rientrerà  sicuramente prima di tale data e ha cumulato un’assenza continuativa  dalle classi in cui ha la riduzione di oltre 150 giorni, non essendo lei  mai rientrata nelle classi in tale periodo, ossia non avendo mai  interrotto la sua riduzione oraria in nessun modo. Nell’ipotesi che si possa applicare l’articolo 37 ti chiedo se sia più  corretto pensare che la scuola debba propormi una supplenza dal 30 Aprile 2015 alla fine delle attività scolastiche (come io penso) o dovrà ancora essere spezzettata (come mi lascia intendere la scuola) dal 4 Maggio 2015 al 27 Maggio 2015 e dal 1 Giugno 2015 al 9 Giugno 2015  (data degli scrutini). Grazie. leggi tutto

Supplenze e proroga contrattuale per gli scrutini. Chiarimenti per la scuola
Scuola
– Buongiorno, con la presente vorrei sottoporre i seguenti quesiti: una docente di secondo grado ha contratti fino al termine delle lezioni per sostituzione di personale assente prima in interdizione e poi in maternità (insegna al biennio),  inizio 28 novembre 2014 e fine al termine delle lezioni 8 giugno. La titolare nel mese di giugno sarà ancora in maternità obbligatoria (data presunta del parto 8 maggio) quindi non presente fisicamente a scuola. La supplente è giusto che abbia la proroga contratto, caricata alla ragioneria codice n.15, dal 9 e fino al termine degli scrutini essendoci più di 150 giorni di assenza della titolare e non contratti strettamente legati ai soli giorni di scrutini?Un docente di secondo grado ha un contratto, comprese le proroghe dal 22 ottobre e fino al termine delle lezione per sostituzione titolare assente da ottobre e fino al 30 giugno per congedo biennale L. 104 (insegna sia al biennio che al triennio). Il supplente è giusto che abbia la proroga contratto, caricata alla scuola codice n01, dal 9 e fino al termine degli  scrutini essendoci più di 150 per i  giorni di assenza della titolare e non contratti strettamente legati ai soli giorni di scrutini? Cordialità DALLA SEGRETERIA DELL’ISTITUTO.leggi tutto

Supplenza e maternità: la scuola non può corrispondere un’indennità fuori nomina se la docente ha un altro contratto in corso
Scuola 
– Spett.le redazione, sottopongo il seguente quesito: una docente nominata dal DS gode di due contratti: 1) per 8/18 su una supplenza fino al termine delle attività didattiche; 2) per 10/18 su una maternità della titolare; la docente nominata in data 4 febbraio ha presentato richiesta di astensione obbligatoria in quanto, anche lei, si trovava al settimo mese di gravidanza. La docente titolare ha comunicato che riprenderà servizio il giorno 8 aprile 2015. Come ci si deve comportare in termini di retribuzione dopo l’8 aprile con la supplente? Ha diritto all’80% dello stipendio su entrambi i contratti iniziali o soltanto sul primo (8/18)? quali sono i riferimenti normativi che regolano il caso? Cordiali saluti Ufficio Personale.leggi tutto

Supplenze: allattamento e rientro a disposizione
Daniela
  – sono un’insegnante di ruolo scuola secondaria 1° grado rientrata in servizio dalla maternità in data 9/02/2015 fino al 21 maggio usufruirò dell’orario ridotto per l’allattamento.  Svolgendo 13 ore settimanali invece di 18 mi sono state tolte tre classi. A tale proposito ti chiedo se dopo il 21 maggio io devo rientrare anche su queste classi oppure rimango a disposizione visto che su queste tre classi non ho mai preso servizio? Grazie.leggi tutto

Rientro del docente dopo il 30 aprile: come si contano i 90 gg. di assenza nelle classi terminali?
Docente
– sono un docente supplente in una scuola secondaria di secondo grado. Il docente titolare è assente dal 02/02 e continuerà ad esserlo fino al 31/05. L’articolo 37 del C.C.N.L. asserisce che “… Per le medesime ragioni di continuità didattica il supplente del titolare che rientra dopo il 30 aprile è mantenuto in servizio per gli scrutini e le valutazioni finali. Il predetto periodo di centocinquanta giorni è ridotto a *novanta nel caso di docenti delle classi terminali*.” Nel mio caso, quindi, il docente titolare risulterà assente in modo continuativo per oltre *novanta giorni.* La mia domanda è questa: avendo classi terminali, il docente titolare rientrerebbe a disposizione oppure rientrerebbe solo sulle classi non terminali? leggi tutto

http://chiediloalalla.orizzontescuola.it/

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare