Rientro in classe dei docenti già in pensione: OrizzonteScuola vi spiega il cavillo burocratico

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Giulia Boffa – Otto insegnanti veneti, residenti tra Treviso, Padova e Rovigo, sono stati richiamati al servizio dopo aver già ottenuto il pensionamento.

Giulia Boffa – Otto insegnanti veneti, residenti tra Treviso, Padova e Rovigo, sono stati richiamati al servizio dopo aver già ottenuto il pensionamento.

Dopo 20 giorni dall’inizio della scuola, gli otto docenti, che si stavano godendo tranquillamente la pensione, si sono visti recapitare un ordine di servizio di rientro immediato, perché il MIUR si è sbagliato: i docenti non hanno i requisiti per andare in pensione.

La legge Fornero, come sappiamo, ha cambiato le carte in tavola per accedere alla pensione; i nostri 8, ma si suppone che ce ne saranno altri, appartengono infatti alla Quota 96, cioè la quota di quei docenti che pur potendo vantare i requisiti preriforma, non possono essere messi in pensione, a patto che non appartengano a classe in esubero. Almeno questo era stato il motivo con cui l’Amministrazione aveva disposto il provedimento di pensione.

Ma una lettura più attenta della normativa sulla circolare delle pensioni, ci mostra qual è stato il vero motivo per cui i docenti sono stati richiamati in servizio. Nella circolare Miur del 5 settembre 2013 si legge infatti " Il personale docente di cui al comma 17 che per l’anno scolastico 2013-2014 non sia proficuamente utilizzabile a seguito dell’espletamento delle operazioni ai sensi del medesimo comma 17, lettere a), b) e c), può essere collocato in quiescenza dal 1° settembre 2013 nel caso in cui maturi i requisiti per l’accesso al trattamento pensionistico entro il 31 agosto 2012 (40 anni di servizio a prescindere dall’età anagrafica o “quota 96 “con 60 anni di età e 36 di contributi o 61 di età e 35 di contributi) come disposto dalla disciplina vigente prima dell’entrata in vigore del decreto-legge 6 dicembre 2011, n 214”.

A questo punto, per poter andare in pensione, occorre non solo appartenere a classe in esubero, ma addirittura non essere utilizzato che a 0 ore, come si evince dalla dicitura "non sia proficuamente utilizzabile".

I nostri 8 pertanto sono dovuti ritornare in classe, e forse ci resteranno ancora un po’, nonostante i loro 40 anni di servizio.

La nota ministeriale 8719 del 5 settembre 2013 (cessazione dal servizio personale docente in esubero a s 2013 2014)

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur