Rientro a settembre sistema 0-6 anni, oggi incontro sindacati-Ministero: aumento organici docenti e ATA

Stampa

Oggi l’incontro cui hanno partecipato, coordinati dalla Viceministra all’istruzione Anna Ascani, i Gabinetti dei Ministeri del Lavoro, della Salute, della Pubblica Amministrazione, delle Pari opportunità e la Famiglia, le Regioni, l’Anci, le Associazioni di settore, i Sindacati, per la ripartenza a settembre del sistema integrato 0-6 anni.

La Flc Cgil fa sapere che la viceministra ha annunciato una bozza di documento, elaborato a livello “interistituzionale” che verrà sottoposta alla valutazione del Comitato Tecnico Scientifico e tratterà questioni cruciali per la ripartenza in sicurezza, dalla stabilità dei gruppi, all’organizzazione degli spazi utili a programmare le molteplici attività nell’arco della giornata.

Per la Cgil “sono necessari nuovi spazi sani e funzionali e rafforzamento degli organici per abbassare il rapporto alunni/docenti, ma anche per implementare il numero delle sezioni statali ai fini di svuotare le liste d’attesa che in molti comuni non permettono a tutti i bambini l’accesso al primo segmento della loro vita scolastica“.

Presente alla riunione anche una delegazione Anief. Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “lo sdoppiamento delle classi, e quindi la creazione dei piccoli gruppi, sarà possibile solo con il raddoppio dell’organico attuale, servono solo alla scuola dell’infanzia altri 80.000 docenti“. E’ necessario inoltre un incremento dell’organico ATA, considerando che “le caratteristiche e la peculiarità del sistema scolastico zero-sei richiedono una continua igienizzazione degli attrezzi, degli spazi e dei giochi. L’attuale dotazione organica del personale ATA – ribadisce Anief – non potrà assolvere a tali richieste“. Durante l’incontro, Anief ha inoltre chiesto che “la laurea in scienze dell’educazione (L19) con indirizzo specifico per educatori dei servizi educativi per l’infanzia sia anche titolo di accesso per la scuola dell’infanzia“.

Il Ministero, ha comunicato Ascani, lavorerà per due documenti: uno istituzionale e un protocollo per la sicurezza da redigere con i sindacati.

Ieri sera, durante la trasmissione In Onda su La7, la ministra Azzolina ha sottolineato la necessità dell’aumento degli insegnanti nella scuola dell’infanzia per la ripartenza a settembre: “Nelle linee guida per i bambini della scuola infanzia non è previsto il distanziamento, è scritto che devono esserci gruppi piccoli. Il ministero della Salute non ha dato un rapporto numerico, ma è chiaro che ci vogliono più insegnanti“.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia