Rientro a settembre: nessuna misurazione febbre all’ingresso, ma con tosse stai a casa. Scuole con stanza covid

Stampa

Pubblicato ieri dal Ministero il documento del comitato tecnico scientifico per il rientro a scuola a settembre. Alcuni passaggi riguardano la temperatura corporea e la gestione di chi presenta sintomi influenzali.

Nessuna misurazione temperatura in ingresso

Non ci sarà, come inizialmente paventato, una misurazione della temperatura corporea ad opera del personale ATA di studenti, docenti e avventori all’ingresso delle scuole.

Il comitato scrive, infatti: “non è necessaria la rilevazione della temperatura corporea all’ingresso della scuola.

Chi ha sintomi resti a casa

Il comitato, però, chiede che quanti abbiano sintomi di infezioni respiratorie acute (febbre, tosse, raffreddore) non vengano a scuola.

Non solo, si chiede che chi si recherà a scuola si accerti di non avere sintomatologia respiratoria o di temperatura corporea superiore a 37.5°C anche nei tre giorni precedenti

Stanza covid

Inoltre, nel documento vengono date indicazioni sull’eventualità di procedure di accoglienza e isolamento di studenti, docenti e personale in generale che che dovessero manifestare una sintomatologia respiratoria e febbre. In tale evenienza il soggetto dovrà essere dotato immediatamente di mascherina chirurgica qualora dotato di mascherina di comunità e dovrà essere attivata l’assistenza necessaria secondo le indicazioni dell’autorità sanitaria locale.

Scarica TESTO INTEGRALE

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile