Rientro a settembre, ecco i set predisposti in una scuola bolognese. Gallo (M5S): agevolano la cooperazione rispettando la distanza

Stampa

“Questi sono i set predisposti nell’istituto comprensivo della scuola di Bologna, capofila della Rete di Scuole All’Aperto: moderni, capaci di agevolare la cooperazione pur rispettando le distanze di emergenza”. Lo scrive su Facebook l’onorevole Luigi Gallo (M5S).

Gallo ha visitato la scuola stamattina con la Ministra Azzolina, in vista della ripresa delle attività didattiche in presenza a settembre.

Ho molta fiducia nelle reti di scuole che in questi anni si sono innovate, nei dirigenti scolastici che in queste ore stanno spendendo tutta la loro energia e la loro esperienza per la ripartenza dell’anno scolastico il 14 settembre, ho fiducia nei docenti e in tutto il personale che con grande entusiasmo vuole collaborare e ripartire.

L’esperienza delle reti di scuola – aggiunge Gallo – sarà fondamentale per programmare gli investimenti del Recovery Fund per la scuola: sarebbe un piano nazionale scritto dal basso: i docenti delle reti di scuola sono i formatori di domani, i dirigenti scolastici i tutor per altre scuole.

La scuola all’aperto, così come tutte le altre innovazioni, non si improvvisa ma si costruisce su un pensiero pedagogico e un’adeguata programmazione.

Sappiamo, tuttavia, che l’emergenza Covid ci costringe a innovarci e nel farlo dobbiamo ispirarci ai pedagogisti, agli scienziati e alle migliori esperienze educative italiane perchè in campo educativo siamo maestri e ispiriamo grandi cambiamenti in tutto il mondo“, conclude il presidente della Commissione Cultura alla Camera.

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!