04 Agosto 2020 - Aggiornato alle 15:57

Rientro a settembre, Conte rassicura: gli studenti torneranno in classe in sicurezza

Il premier Giuseppe Conte, in un’intervista all’agenzia di stampa Dire, rassicura sul rientro a scuola a settembre: il governo è al lavoro per garantire la massima sicurezza a studenti e personale scolastico.

Lo diciamo da settimane che a settembre gli studenti torneranno in classe in presenza. La scuola è una grande sfida per il Paese, stiamo parlando di oltre dieci milioni di persone – tra studenti, docenti e personale – che dovranno rientrare nelle aule.

Siamo al lavoro – aggiunge il premier – per garantire loro condizioni di massima sicurezza”.

Il governo, spiega Conte “sta procedendo all’acquisizione e alla distribuzione delle apparecchiature e dei dispositivi di protezione individuale per permettere agli studenti di ricominciare l’anno scolastico senza alcun rischio”.

Gelmini chiede al premier di prendere in mano la situazione

Il Ministero dell’Istruzione passa le mattinate a smentire i giornali. La gara per i banchi affonda nel ridicolo. Nel frattempo siamo quasi ad agosto e a metà settembre ci ritroveremo in una situazione senza precedenti. Le scuole riapriranno in completa anarchia e gli studenti saranno sballottolati tra entrate scaglionate, lezioni e docenti a sorpresa, didattica a distanza. Non c’è tempo da perdere: Conte prenda immediatamente in mano il dossier e si assuma la diretta responsabilità di una quanto più possibile ordinata ripartenza. Anche perché sarà chiamato comunque a rispondere di un probabile fallimento“.

Lo afferma in una nota riportata da Askanews Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Ritorno a scuola. Il 14 settembre il riavvio in sicurezza, previsti nuovi spazi alternativi. Segui i corsi di Eurosofia sugli adeguamenti necessari