Rientro a settembre: ingressi studenti ogni 45 minuti, docenti di potenziamento ritornino in cattedra

di redazione

item-thumbnail

In via di definizione il documento della task force per il rientro a settembre, mentre è stato pubblicato ieri il documento del comitato tecnico scientifico. Vi anticipiamo alcuni contenuti che ormai possono considerarsi come punti fermi. AGGIORNIAMO LE INFORMAZIONI CON LE ULTIME NOVITA’

Mascherine

Accompagneranno la vita degli studenti e dei docenti. Dovranno essere indossate durante tutto l’arco delle lezioni.

I bambini della scuola d’infanzia non dovranno indossare la mascherina.

Distanziamento

Si dovrà garantire all’interno delle classi il distanziamento dei banchi fino ad un metro. In palestra i metri dovranno essere 2.

Anche per tutto il personale non docente, negli spazi comuni dovranno essere garantite le stesse norme di distanziamento di almeno 1 metro, indossando altresì la mascherina chirurgica.

Per i bambini della scuola dell’infanzia, sarà particolarmente critico mantenere il distanziamento fisico: dovranno essere applicati particolari accorgimenti organizzativi e comportamentali del personale scolastico.

Didattica a distanza

Nel documento del Comitato Tecnico Scientifico, si dice che ogni istituzione scolastica potrà definire, in virtù dell’autonomia scolastica, modalità di alternanza / turnazione / didattica a distanza proporzionate all’età degli alunni e al contesto educativo complessivo.

In particolare, per gli ordini di scuola secondaria di I e II grado, al fine di ridurre la concentrazione di alunni negli ambienti scolastici, potranno essere in parte riproposte anche forme di didattica a distanza.

Ingressi scaglionati

In base al grado di scuola, gli ingressi potrebbero essere scaglionati fino alle 10 del mattino con conseguente uscita fino alle 16.

Il consiglio della task force è di consentire gli ingressi ogni 45 minuti, dalle 8 alle 10 e 15. Per le fasce d’età delle elementari e medie potrebbe essere consentito, invece, l’ingresso alle 8 per tutti.

Lezioni da 40/45 minuti

Potrebbe essere il nuovo standard per le lezioni, almeno fino a che non miglioreranno le condizioni legate al contagio Covid.

Docenti di potenziamento ritornino in cattedra

Secondo quanto riporta Corrado Zunino su Repubblica, la task force nominata dal Ministro, ha consigliato che, per far fronte alla necessità di un aumento di docenti, quelli su potenziamento rientrino in cattedra.

Scuole negli oratori

Per far fronte alla necessità di mantenimento del distanziamento sociale, vengano utilizzati anche locali messi a disposizione da enti pubblici o privati per effettuare le lezioni.

Presenza genitori

Il CTS consiglia di adottare misure per limitare al minimo la presenza dei genitori nelle scuole.

Composizioni classi

Non ci sono indicazioni sul numero di studenti per classe che dipenderà dalla dimensione delle stanze.

Depenalizzazione reati per  i Dirigenti legati ad infortuni

Come già evidenziato dalla nostra redazione, tra i rischi evidenziati c’è quello delle regole sugli infortuni. Anche un caso Covid accertato essersi sviluppato da scuola potrebbe mettere nei guai un dirigente. La task force ha chiesto la depenalizzazione. Già nella giornata di ieri, Giannelli dell’ANP, ospite della nostra rubrica “Il Punto”, aveva chiesto  una riflessione e riforma delle regole per i Dirigenti Scolastici, pubblici ufficiali, senza invocare “scudi penali”.

Versione stampabile
soloformazione