Rientro a settembre, Comitato scientifico: pulizia approfondita scuole spetta agli ATA. Attenzione a bambini 6 anni e servizi igienici

Stampa
coronavirus

Pubblicato dal Ministero il documento elaborato dal Comitato Tencico scientifico per il rientro a settembre. All’interno molte indicazioni, alcune delle quali riguardano l’igienizzazione dei locali.

Secondo quanto leggiamo nel testo del documento, per settembre i locali, prima dell’arrivo degli studenti, dovranno essere sottoposti ad ingienizzazione approfondita. Ciò dovrà essere svolto ad opera dei collaboratori scolastici. La pulizia dovrà riguardare i locali della scuola destinati alla didattica e non, compresi androne, corridoi, bagni, uffici di segreteria e ogni altro ambiente di utilizzo. “Se la scuola è occupata da almeno 7-10 giorni, – si legge nel documento – per riaprire l’area sarà necessaria solo la normale pulizia ordinaria, poiché il virus che causa COVID-19 non si è dimostrato in grado di sopravvivere su superfici più a lungo di questo tempo neppure in condizioni sperimentali.”

“Le operazioni di pulizia dovranno essere effettuate quotidianamente secondo le indicazioni dell’ISS previste nella Circolare del Ministero della Salute “Indicazioni per l’attuazione di misure contenitive del contagio da SARS-CoV-2 attraverso procedure di sanificazione di strutture non sanitarie (superfici, ambienti interni) e abbigliamento” in particolare nella sezione “Attività di sanificazione in ambiente chiuso” di cui un estratto è in Allegato 1. Nello stesso allegato è riportato un estratto con i principi attivi indicati per le varie superfici tratto da Rapporto ISS COVID-19 n. 19/2020 – “Raccomandazioni ad interim sui disinfettanti nell’attuale emergenza COVID-19: presidi medico-chirurgici e biocidi. Versione del 25 aprile 2020”

Indicazioin anche sui prodotti che bisogna utilizzare. Infatti, insieme ai normali disinfettanti, il comitato richiede l’utilizzo di “prodotti con azione virucida”. “Nella sanificazione si dovrà porre particolare attenzione – continua il documento – alle superfici più toccate quali maniglie e barre delle porte, delle finestre, sedie e braccioli, tavoli/banchi/cattedre, interruttori della luce, corrimano, rubinetti dell’acqua, pulsanti dell’ascensore, distributori automatici di cibi e bevande, ecc.”

“Qualora vengano usato prodotti disinfettanti, – si legge –  e qualora la struttura educativa ospiti bambini al di sotto dei 6 anni, si raccomanda di fare seguire alla disinfezione anche la fase di risciacquo soprattutto per gli oggetti, come i giocattoli, che potrebbero essere portati in bocca dai bambini.”

“I servizi igienici .- conclude il documento sulla questione dell’igienizzazione dei locali – sono dei punti di particolare criticità nella prevenzione del rischio. Pertanto dovrà essere posta particolare attenzione alle misure già poste in essere dalle scuole per la pulizia giornaliera dei servizi igienici con prodotti specifici. In tali locali, se dotati di finestre, queste devono rimanere sempre aperte; se privi di finestre, gli estrattori di aria devono essere mantenuti in funzione per l’intero orario scolastico.”

Scarica TESTO INTEGRALE

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa