Rientro a settembre, ATA ex LSU assunti part-time. Emendamento richiede full-time per affrontare emergenza

Stampa

Presentato dal Presidente della VII Commissione cultura alla Camera, un emendamento chiede, nel decreto Rilancio, che i contratti part-time dei neoassunti ex LSU diventino full-time.

Ecco il testo

Articolo 230

Dopo il comma 2, aggiungere i seguenti:

3. Al fine di fronteggiare gli effetti negativi conseguenti all’emergenza epidemiologica e garantire l’ordinato avvio dell’anno scolastico, sono conferite supplenze annuali per la copertura dei posti vacanti e delle supplenze temporanee e sono attribuite sino al termine delle attività didattiche, per l’anno scolastico 2020/2021, prioritariamente ai soggetti vincitori della procedura selettiva per collaboratori scolastici, di cui all’articolo 58, commi 5-bis e 5-ter, del decreto–legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, che siano titolari di un contratto di lavoro a tempo parziale con un monte orario uguale o inferiore alle 18 ore settimanali.

3-bis. Per le finalità di cui al comma 3, è stanziata la somma di euro 120 milioni per il pagamento delle prestazioni di lavoro rese dal personale destinatario di supplenze di cui al comma 3, conferite dalle istituzioni scolastiche.

3-ter. All’onere derivante dal comma 3-bis, pari ad euro 120 milioni per gli anni 2020 e 2021, si provvede a valere sulle risorse del Fondo denominato “Fondo per l’emergenza epidemiologica da COVID-19”, previsto all’articolo 235, comma 1, della presente legge.

Relazione Illustrativa

L’ipotesi prevede per l’anno scolastico 2020/2021 il conferimento di supplenze annuali al personale ATA con un monte orario uguale o inferiore a 18 ore settimanali, assunto a tempo indeterminato a seguito della procedura di internalizzazione dei servizi di pulizia.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia