Rientro a settembre, Ascani: test sierologici su docenti e Ata, molecolari su studenti

“Il rapporto organico fra scuola e sanità, come ribadito anche questa mattina dal ministro della Salute Roberto Speranza, è uno dei cardini su cui si basa la riapertura a settembre”.

Lo ha detto sul Facebook la viceministra dell’Istruzione, Anna Ascani. “La tutela di studenti, docenti, dirigenti scolastici, personale Ata e di tutti coloro che, a vario titolo, hanno contatti con la scuola deve essere garantita attraverso la prevenzione e il controllo. Test sierologici sui lavoratori, molecolari sugli studenti. Ma è anche condivisibile l’idea di ripristinare i servizi di medicina scolastica, che erano stati previsti in una norma del 1961, affinché si metta in campo qualsiasi soluzione utile a salvaguardare la riapertura delle scuole e il corretto andamento delle attività.

Il nostro compito è quello di assicurare la ripartenza, permettendo a bambini e ragazzi di ritrovare socialità e lezioni in presenza e, insieme al personale scolastico, un ambiente sicuro. I tavoli con tutte le Regioni, Usr e i rappresentanti di Anci, Upi, che sto seguendo insieme ai miei colleghi, la rimodulazione degli spazi e gli investimenti sull’adeguamento chiudono il cerchio di un piano di lavoro, costante e rapido, per riaprire in piena sicurezza, nonostante la pandemia non sia ancora sconfitta”, conclude.

Ritorno a scuola, Speranza: “test sierologici per insegnanti e ATA”. Come si procederà per i precari?

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia