Rientro a scuola, virologo Crisanti: mascherina per studenti con più di 14 anni. No asilo per bimbi sotto l’anno

Stampa
mascherina coronavirus studente

“I bambini con meno di un anno non dovrebbero essere ammessi negli asili e quelli con più di 14 anni dovrebbero tornare a scuola indossando la mascherina”.

Lo ha detto il virologo Andrea Crisanti, oggi durante un incontro con i dirigenti scolastici e i docenti delle scuole padovane, i responsabili dei centri e dei campi estivi e dei grest, organizzato dalla consigliera comunale padovana con delega al progetto città sane Oms, Stefania Moschetti.

Purtroppo i bambini fino ad un anno di età si ammalano – ha continuato Crisanti – mentre quelli sopra i 14 anni sono comunque più resistenti degli adulti ma più vulnerabili rispetto ai più giovani, quindi dovrebbero perlomento indossare dispositivi di protezione passiva e quindi le mascherine. Un certo livello di rischio bisogna accettarlo ma ritengo che tra 1 e 14 anni il rischio sia accettabile”.

Crisanti è assolutamente contrario all’utilizzo del plexiglas, è invece importante il ricambio dell’aria. “La sicurezza nelle aule dipende anche dal numero dei ricambi d’aria, farne cinque all’ora riduce la carica microbica del 90%. Invece sconsiglio le barriere perché ostacolano la circolazione dell’aria. La compartimentazione fisica degli spazi è inutile e controproducente“.

Con gli adolescenti – ha spiegato Crisanti – si possono implementare misure come mascherine e distanziamento che nelle scuole materne e negli asili nido non si possono adottare. Come si fa a mettere un bimbo in un cerchio? Bisogna essere realistici“.

Il servizio mensa, secondo il virologo, dovrebbe “perlomeno in una prima fase prevedere pacchi monouso con vuoto a perdere”.

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche