Rientro a scuola: una petizione per tornare senza mascherina e distanziamento

Il movimento “La scuola che accoglie” ha lanciato una petizione dal titolo “La scuola che accoglie”, con cui si raccolgono firme per tornare a scuola senza mascherine e senza distanziamento.

Alla petizione è collegato un decalogo di buoni comportamenti, tutti senza dispositivi di sicurezza.

La mascherina è ritenuta pericolosa, perché non filtra l’aria ed inoltre fa inspirare l’anidride carbonica che espiriamo; ciò a lungo andare causa ipertensione e obnubilamento dei sensi, nonché uno stato di acidosi metabolica.

Se si dovesse verificare un contagio, il movimento suggerisce di continuare la vita scolastica, come nulla fosse, perché la scuola doveva rimanere aperta anche durante il lock down.

La petizione ha raccolto 6.043 firme in 11 giorni: tra le adesioni anche 33 medici, 176 operatori sanitari, 435 tra docenti, educatori, personale Ata e dirigenti, 20 psicologi.

Leggi anche

Azzolina: sì a test sierologici per tutto il personale scolastico. Il ministero della Salute è già a lavoro

Ritorno in classe, Azzolina: in arrivo specifico protocollo di sicurezza per la riapertura

Azzolina: al via formazione del personale scolastico su digitale. Presto linee guida su Dad

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia