Rientro a scuola, Sasso: “Altri fondi per garantire un anno in presenza”

Stampa

“La ripartizione effettuata dal ministero dell’Istruzione dei 350 milioni di euro stanziati nel Decreto Sostegni bis aggiunge un nuovo, fondamentale tassello per la ripartenza in sicurezza dell’anno scolastico 2021/22. Questo provvedimento, infatti, permette a ogni istituto che ne aveva fatto richiesta di sapere quanto denaro avrà a disposizione per intervenire all’interno dei propri edifici e nell’ambito della propria comunità scolastica. Il tutto, ovviamente, nel solco delle linee guida ministeriali ma nel pieno rispetto dell’autonomia di ciascuna scuola”.

Lo dichiara Rossano Sasso, sottosegretario del ministero dell’Istruzione.

Con i fondi stanziati, che saranno materialmente a disposizione degli istituti nel giro di pochi giorni, si potrà acquistare dispositivi di aerazione, ventilazione meccanica e sanificazione, potenziare l’offerta rivolta agli studenti disabili o con bisogni educativi speciali, procedere a interventi di contrasto della dispersione scolastica. E, ancora, lavorare per una migliore e più sicura ripartizione degli spazi interni ed esterni degli edifici e procedere all’acquisto di materiale per il monitoraggio e il tracciamento del virus. Si tratta di fondi ingenti che, insieme alla prosecuzione della campagna vaccinale e a una maggiore preparazione complessiva del sistema scuola, dovrebbero scongiurare qualsiasi ipotesi di interruzione della didattica nel corso dell’anno scolastico”.

Su questo – conclude Sasso – l’impegno mio personale e della Lega a supporto del Ministero e del Governo sarà massimo“.

Ritorno in classe, alle scuole 350 milioni per l’avvio in sicurezza. Bianchi firma il decreto

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur