Rientro a scuola Reggio Emilia, approvato piano operativo: steward e videosorveglianza sui mezzi per calcolo presenze

Stampa

Dal 7 gennaio 2021 si torna alla didattica in presenza per gli alunni delle scuole superiori e la prefettura di Reggio Emilia, in vista della ripresa, approva il piano operativo per il rientro in sicurezza.

Il documento, presentato ieri nel corso di una riunione del Tavolo di coordinamento presieduto dal prefetto Iolanda Rolli, ha recepito le più recenti disposizioni del ministero della Salute. Quindi dal 7 gennaio al 15 gennaio 2021, rientro a scuola per massimo il 50% della popolazione studentesca interessata. Dal 15 gennaio, tale misura è incrementata fino al 75%.

Per garantire la ripresa delle lezioni nella massima sicurezza – si legge nella nota del Viminale -, verrà attivato sin dal 7 gennaio un piano di potenziamento dei trasporti definito dall’Agenzia per la mobilità. Particolare attenzione sarà posta al monitoraggio del territorio con riguardo alle fermate dei mezzi pubblici e davanti alle scuole, per evitare assembramenti.

Grazie all’intervento della provincia di Reggio Emilia, verranno coinvolti 35 steward e già dal mese di gennaio più della metà dei mezzi sarà dotata di un sistema di videosorveglianza e di un software che consentirà di calcolare anche le presenze a bordo dei mezzi, in rapporto alla capienza prevista.

Sarà potenziata la vigilanza da parte della polizia statale e locale e verrà avviata la sperimentazione di un innovativo progetto realizzato per il comune di Reggio Emilia dall’Artificial intelligence research and innovation center (AIRI) dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Elaborando i dati provenienti dalla rete cellulare, sarà possibile produrre un sistema di monitoraggio che permetterà di valutare la densità delle persone e produrre forme di alert nel caso vengano rilevate in ambienti aperti al pubblico significative aggregazioni.

Il comunicato della Prefettura

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!