Rientro a scuola, mascherina se non c’è distanziamento di un metro, didattica all’aperto e aule arieggiate. BOZZA protocollo di sicurezza

Stampa

Concluso anche l’incontro odierno tra Ministero dell’Istruzione e Organizzazione sindacali sulla definizione del protocollo di sicurezza per la ripartenza della scuola in presenza a settembre. Le regole restano all’incirca quelle dello scorso anno ma con le novità date dalla vaccinazione e del green pass richiesto al personale scolastico

Mascherina

È obbligatorio, per chiunque entri negli ambienti scolastici, adottare precauzioni igieniche e l’utilizzo di mascherina nonché sottoscrivere apposita autocertificazione.

Distanziamento

Nel documento illustrato ai sindacati viene raccomandato il distanziamento anche in zona bianca “di almeno un metro (sia in posizione statica che dinamica secondo i layout predisposti nel rispetto delle indicazioni del CTS negli estratti dei verbali di maggio/giugno/luglio/agosto 2020) e di assicurare, anche nelle zone bianche, la distanza di due metri tra i banchi e la cattedra del docente”.

Laddove le condizioni non consentano il distanziamento di sicurezza interpersonale, resta fondamentale mantenere potenziare e modulare le altre misure non farmacologiche di prevenzione, ivi incluso l’obbligo di indossare nei locali chiusi mascherine di tipo chirurgico.

Per ciò che riguarda i servizi educativi dell’infanzia, non essendo sempre possibile garantire l’adozione di alcune misure di prevenzione (quali il distanziamento e l’uso di mascherine), è raccomandata una didattica a gruppi stabili2 favorendo quando possibile le attività didattiche all’aperto secondo le linee guida 0-6 del Ministero dell’Istruzione di cui al prot. 80 del 03/08/2020.

Bozza_protocollo sicurezza

Aerazione spazi

Fondamentale sarà il ricambio dell’aria anche con condizioni meteo avverse. “Nelle aule scolastiche caratterizzate da una eterogeneità strutturale, di gestione e controllo, è opportuno tenere aperte leggermente e contemporaneamente una o più ante delle finestre e/o di eventuali balconi e la porta dell’aula in modo intermittente o continuo. Questa misura può raggiungere la massima efficienza se le finestre, i balconi e le porte si trovano su entrambi i lati dell’aula (ventilazione incrociata) e dovrà essere adottata anche nelle giornate con avverse condizioni meteorologiche”.

Gli approfondimenti di OS sul protocollo di sicurezza

Riapertura scuole, supporto psicologico per gestire lo stress e la paura da contagio: protocollo di sicurezza. BOZZA

Riapertura scuole, cosa fare in caso di persona con sintomi covid. Protocollo di sicurezza

Ritorno a scuola, orari scaglionati e gestione ingressi e uscita per evitare assembramenti: BOZZA protocollo di sicurezza

Rientro a scuola: obbligo mascherina, deroga per classi di studenti tutti vaccinati. Un metro di distanza, due tra banchi e cattedra. Bozza protocollo sicurezza

Il commento dei sindacati

La FLC CGIL, ritiene che “rispetto al protocollo in discussione, sia necessario fare chiarezza sul distanziamento, considerando aleatorie le indicazioni del CTS contenute nel parere del 12 luglio 2021. Chiediamo che sia garantito il distanziamento per tutte le studentesse e gli studenti del Paese con l’articolazione dei gruppi classe, realizzabile attraverso il finanziamento dell’organico aggiuntivo Covid almeno nella stessa misura assegnata nell’a.s. 2020/2021“.

Dura la linea di Anief: “La sottoscrizione del protocollo sulla sicurezza da parte del sindacato non sarà automatico se il Governo continuerà ad ignorare ciò che si è statuito nel patto per la scuola. L’amministrazione si concentra sulla sottoscrizione del protocollo in tempo utile per l’inizio della scuola senza sbilanciarsi sulle osservazioni fatte dalle parti sociali e dall’Anief in particolare“. “Se continuano a restare all’interno del testo alcune parti di natura politica non modificabili – ha detto Pacifico – sarà difficile sottoscrivere il testo”.

Per l’Anp serve chiarezza dal Cts: “Il Protocollo di sicurezza deve contenere una serie di misure univoche e da applicare senza difficoltà. Il distanziamento, ad esempio, laddove logisticamente inattuabile, deve essere derogato con chiarezza con la previsione dell’obbligo di utilizzo dei DPI (mascherine chirurgiche): non si può, del resto, non riconoscere che le aule e gli spazi degli edifici scolastici di norma non consentono il distanziamento”.

Piano scuola MI

Oltre al protocollo di sicurezza, che sarà stipulato tra ministero e sindacati e che sarà inviato alle scuole, c’è il piano scuola per il quale ieri è arrivato l’ok di Regioni, Comuni e Province, in Conferenza Unificata.

Ritorno a scuola: green pass obbligatorio, metro di distanza e mascherina. Le misure per settembre. PIANO [PDF]

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione