Rientro a scuola, l’organico docenti e ATA sarà potenziato ma le supplenze saranno fino al 30 dicembre

Stampa

Rientro a scuola a settembre in sicurezza: nello schema di decreto contenente l’adozione del Documento per la pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative in tutte le Istituzioni del Sistema nazionale di Istruzione per l’anno scolastico 2021/2022 uno spazio viene dedicato al potenziamento dell’organico del personale docente e ATA

Non si tratta di una vera novità giacché l’organico Covid è già previsto dal decreto Sostegni bis. La novità rispetto all’anno scolastico 2020/21 è che si tratta di contratti non più fino al termine delle lezioni ma soltanto fino al 30 dicembre 2021.

L’art. 58, comma 4-ter, della legge – 23 luglio 2021, 106 – di conversione del decreto “Sostegni bis”, destina la quota non
spesa dell’analogo finanziamento per l’a.s. 2020-2021 a:

“a) ad attivare ulteriori incarichi temporanei di personale docente con contratto a tempo determinato, dalla data di presa di servizio fino al 30 dicembre 2021, finalizzati al recupero degli apprendimenti, da impiegare in base alle esigenze delle istituzioni scolastiche nell’ambito della loro autonomia. …;

b) ad attivare ulteriori incarichi temporanei di personale amministrativo, tecnico e ausiliario con contratto a tempo
determinato, dalla data di presa di servizio fino al 30 dicembre 2021, per finalità connesse all’emergenza epidemiologica”.

Le risorse stanziate verranno ripartite, in base alle esigenze, tra gli Usr prima e tra le scuole poi.

Per quanto riguarda il recupero degli apprendimenti, si sottolinea nel Piano, potranno essere interessati tutti i gradi di istruzione, comprese le scuole dell’infanzia.

Proposta piano scuola 2021 del Ministero alle Regioni

Tutti gli approfondimenti di OS sul rientro a scuola 2021/22

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione