Rientro a scuola, in Trentino si pensa a turnazione studenti. Nidi e infanzia aperti in estate

di redazione

item-thumbnail

Rientro a scuola a settembre: in Trentino Alto Adige si pensa a studenti a turno in aula, con didattica a distanza per il resto degli alunni. A parlarne è Mirko Bisesti, assessore all’istruzione, a L’Adige.

Lo scenario del rientro a scuola a settembre non sembra ancora essere chiaro. La stessa Ministra dell’istruzione Lucia Azzolina ha ribadito che l’idea di un ritorno con didattica mista non è che un’ipotesi. Una delle tante soluzioni che il Governo sta mettendo in campo in vista della riapertura degli edifici scolastici a settembre.

Così anche in Trentino per il momento si fanno ipotesi sul da farsi. Le ultime sono state espresse ieri durante la seduta consiliare straordinaria sul post Covid-19 nelle scuole. Entro maggio dovrebbero tuttavia arrivare delle risposte più certe. Così perlomeno è quanto detto dall’assessore Bisesti, che ha illustrato il piano: “Stiamo pensando ad una turnazione delle classi, nell’arco dell’intera giornata, con attività che possono essere fatte da casa. Le prime classi della primaria avranno più tempo in aula rispetto alle quinte. Idem per le secondarie. Più si va avanti con l’età dello studente, maggiore è la sua autonomia e maggiore deve essere la sua responsabilizzazione“. La capienza degli spazi verrà valutata attentamente in rapporto al numero degli alunni e dei docenti per classe. Diversamente, per nidi e materne si pensa alla riapertura in estate, purché la situazione dei contagi rimanga stabile.

 

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione