Rientro a scuola, in Sicilia si inizia il 14 settembre in modo graduale. 1,5 m per ogni bambino e docenti con visiera. DOCUMENTO

WhatsApp
Telegram

Approvato all’unanimità il documento redatto dalla task-force regionale per la pianificazione delle attività educative, in vista dell’avvio del nuovo anno scolastico e formativo 2020-2021.

Scarica linee guida

A darne notizia è l’assessore all’istruzione della Regione Sicilia, Roberto Lagalla.

Il testo, disponibile sul sito dell’Assessorato da giovedì 16 luglio, sarà distribuito a tutte le istituzioni scolastiche e formative della Regione Siciliana nonché a Comuni, Liberi Consorzi e Città Metropolitane. A darne comunicazione è l’assessore regionale all’istruzione e alla formazione professionale, Roberto Lagalla che, su impulso del Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha promosso l’istituzione della task-force, coadiuvata dal professore Elio Cardinale.

Il piano della task force prevede che nelle scuole dell’infanzia ci sia uno spazio di 1,5/1,8 metri quadrati per ogni bambino. Sarà dunque importante verificare l’ampiezza delle aule. Altro punto riguarda l’utilizzo delle mascherine per i docenti: si potranno indossare visiere trasparenti. Le ore delle lezioni potranno essere ridotte fino a 40 minuti.

L’obiettivo – dichiara Lagalla – è quello di garantire agli studenti un regolare rientro in aula, per recuperare la preziosa dimensione relazionale della scuola, interrotta dalla pandemia e non pienamente surrogata dalla didattica a distanza. Occorrerà grande collaborazione e partecipazione da parte di tutti perché non dovranno in alcun modo essere trascurate le opportune misure di contenimento del rischio da contagio e di prevenzione sanitaria, fondamentali per la salvaguardia della salute degli studenti e del personale scolastico”.

Per il rientro a scuola dei nostri studenti – ha ribadito l’assessore – occorrerà grande collaborazione e partecipazione da parte di tutti, delle famiglie in particolare, perché non dovranno in alcun modo essere trascurate le opportune misure di contenimento del rischio da contagio e di prevenzione sanitaria, da considerare fondamentali per la salvaguardia della salute degli alunni e del personale scolastico.
Alla luce di questo, sono certo che, anche grazie al determinante intervento degli Enti locali e dell’Ufficio Scolastico Regionale, insieme alla presenza vigile della Regione Siciliana, sarà possibile gestire nel migliore dei modi il ritorno in aula“.

Come scrive Il Giornale di Sicilia, si tornerà a scuola il 14 settembre, ma in modo scaglionato per tutta la settimana testando in modo graduale le regole anti contagio.

Scarica linee guida

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur