Rientro a scuola il 7 gennaio: flessibilità orari di ingresso e turni pomeridiani. Il piano di Conte

WhatsApp
Telegram

Il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa introduce le misure anti Covid contenute nel nuovo Dpcm. Le scuole superiori rientreranno sui banchi dal 7 gennaio al 75%.

“Dobbiamo lavorare per garantire condizioni di massima sicurezza ai nostri ragazzi. Abbiamo fatto tanto lavoro nelle scuole e abbiamo garantito la sicurezza, ma se la curva è alta diventa tutto più complicato. Quello che preoccupa – ha precisato il premier – è ciò che ruota attorno alla scuola. Soprattutto dobbiamo pensare a quando i ragazzi escono da scuola e stanno insieme, questa è occasione di contagio”.

Ecco il piano del premier per il rientro in aula: “Dobbiamo lavorare a livello territoriale, regionale e provinciale. Nel Dpcm troverete dei tavoli istituiti presso le prefetture con tutte le autorità coinvolte nella scuola, sta a loro trovare delle formule che consentano, graduando flessibilmente orari di ingresso e uscita, e coniugandolo con i trasporti, per una misura efficace in modo che dal 7 gennaio si possa rientrare a scuola. Nelle scorse ore ho avuto un incontro proficuo con le Regioni e gli enti locali e ho proposto loro un protocollo da condividere per garantire che i ragazzi non dovranno più tornare a casa”.

Conte propone protocollo per rientro a scuola dal 7 gennaio. Province: riapertura al 50% è misura equilibrata

“Non vogliamo escludere nessuna opzione di flessibilità – ha sottolineato Conte -, se ci saranno scuole che si renderanno disponibili a turni pomeridiani ben vengano. Non possiamo da Roma governare la situazione della differenziazione degli orari di ingresso delle scuole e i trasporti. Siamo disponibili a un supporto ma alcune scelte chiedono modulazioni territoriali”.

Nuovo DPCM, Conte: “Dal 7 gennaio rientrerà il 75% degli studenti nelle scuole superiori” [VIDEO]

Vacca (M5S): “Un grande lavoro”

“Quello per portare al 75% le lezioni in presenza dal 7 gennaio per le superiori è stato un grande lavoro, che presto darà maggiore serenità e diritti a migliaia di ragazze e ragazzi”, commenta Gianluca Vacca, capogruppo del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura alla Camera.

“Da qui dobbiamo proseguire in avanti: l’obiettivo rimane quello di una ripresa in tempi brevi delle attività in presenza al 100%, per tutti i cicli di istruzione e in tutta Italia: una ripartenza a singhiozzi, così come nuove disparità oltre quelle che già si sono create tra Regione e Regione, andranno evitate a tutti i costi”, aggiunge Vacca.

Il testo definitivo

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito