Rientro a scuola, Gavosto: orario prolungato con stipendio maggiorato per chi disponibile

WhatsApp
Telegram
insegnante studente

Andrea Gavosto della Fondazione Agnelli su Il sole 24 ore commenta l’avvio del nuovo anno scolastico “tra tante incognite”.

“A settembre non saranno in cattedra i vincitori dei nuovi concorsi, perché il primo di questi sarà in autunno. Nemmeno – temiamo – aiuterà granché la cosiddetta “call veloce”, che permetterebbe ai docenti con i titoli di entrare in ruolo in regioni diverse. Il principio è corretto, ma in pratica significherebbe trasferirsi, quasi sempre dal Sud al Nord, con un obbligo di permanenza di 5 anni”. “Alla riapertura dopo l’emergenza Covid-19 – riflette Gavosto – si potrebbe avere bisogno di più ore a scuola, se la giornata andrà riorganizzata”.

Gavosto quindi pensa a tre soluzioni: “Si accorcia la durata delle lezioni e nel contempo ci si comincia a chiedere sul serio se tutto, nella singola materia e nel curricolo, sia davvero essenziale. Si negozia in sede contrattuale un periodo transitorio a orario prolungato e con stipendio maggiorato per chi è disponibile a farlo. Si assumono più docenti a tempo determinato, per l’esigenza contingente e il tempo che servirà, con un’attenzione specifica alla scuola dell’infanzia e alla primaria, dove è opportuno fare al più presto rientrare in presenza tutti”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur