Rientro a scuola e lavoratori fragili, l’appello dell’Associazione diabetici: si ripristini la figura del medico scolastico

Stampa

Appello della Fand, Associazioni italiana diabetici all’On. Speranza, On. Sileri, On. Azzolina, On. Ascani, Prof. Ricciardi, Prof. Crisanti, Membri del C.T.S., Pres. Confed. Stati/Regioni/Prov.Aut. e al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Appoggio agli appelli per la tutela degli insegnanti fragili con patologie croniche e di alunni e docenti con familiari fragili

“Preoccupati per l’ormai prossima, e necessaria, riapertura della scuola, che vedrà coinvolte molteplici fragilità nei suoi componenti (alunni, insegnanti, famiglie, personale
ATA) – si legge nell’appello dell’Associazione – ci facciamo portatori presso le Vostre Istituzioni, Confederazioni e il Comitato Tecnico Scientifico di una forte e sentita istanza affinché – nella stesura delle linee guida per il nuovo anno scolastico 2020-2021 – venga da Voi posta in essere la massima attenzione alla sicurezza e alla salvaguardia di tutte queste persone variamente ‘fragili’.

Ci mettiamo a Vostra disposizione, sia per discutere la questione sia per offrirVi, qualora lo vogliate, la nostra esperienza riguardo a una patologia cronica, quale è il diabete, estremamente pericolosa in caso di co-morbilità (come potrebbe avvenire per il contagio da Covid19). Il lungo percorso da insegnante e Preside di Istituto Superiore del nostro Presidente, che firma la presente istanza, ci fa anche approfittare dell’occasione per perorare, una volta di più e come da più parti di nuovo oggi si chiede, il ritorno del medico, o di un infermiere specializzato, in ogni plesso scolastico o Istituto del nostro Paese; una figura, questa, che molto aiuterebbe nella primaria gestione delle emergenze che dovessero comunque presentarsi“, conclude l’Associazione.

Rientro a scuola: quei “lavoratori fragili” di cui si parla così poco, lasciati nell’incertezza

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur