Rientro a scuola, Barbacci (Cisl): serve task force, basta scaricare sui presidi

WhatsApp
Telegram

“Vorremmo che l’anno scolastico iniziasse con tutte le indicazioni opportune e necessarie per poter dire che è un anno in sicurezza sia in termini di salute che di regolarità delle lezioni in presenza”. Così all’ANSA il segretario della Cisl Scuola, Ivana Barbacci sul prossimo inizio dell’anno scolastico e sulle misure previste

“Il continuo rimbalzo delle responsabilità e delle competenze su chi ha titolo a individuare soluzioni, non è sostenibile – continua – ; non entro nel merito su chi deve disporre o verificare la qualità dell’aria o che ci siano le condizioni di reale sanità del posto di lavoro ma vorrei che ci fosse una task force che individuasse gli spazi scolastici come particolarmente vulnerabili, perché a rischio in termini di contagio, e quindi che si creasse una regia tra comuni, uffici scolastici e direzioni sanitarie. E’ il momento di non scaricare le responsabilità sui dirigenti scolastici che non hanno questo compito né queste responsabilità”.

WhatsApp
Telegram

“Come compilare il nuovo pei pagina dopo pagina”. Dal 3 ottobre un nuovo corso tecnico/pratico di Eurosofia